Bere quotidianamente prosecco danneggia i denti. L’attacco dei media inglesi al vino italiano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bere prosecco può danneggiare il nostro sorriso. A dirlo sono stati i dentisti del London Centre for Cosmetic Dentistry, secondo i quali consumarne abitualmente e in quantità a lungo andare danneggia i denti per l’elevato contenuto di zuccheri. Ma è davvero così?

A sostenerlo è stato il dottor Mervyn Druian, secondo cui l’abitudine al prosecco a cui, tendenza riscontrata soprattutto tra le donne, sta mettendo a rischio la salute dentale.

“Le donne preferiscono di gran lunga il prosecco, ma a differenza del vino che spesso si consuma durante il pasto, è più probabile che si continui a sorseggiare anche prima o dopo e a berne sviariati bicchieri quasi senza accorgersene”.

L’alcol, l’acidità e la presenza di zuccheri, soprattutto in quantità elevate, sono dannosi per i denti. Secondo il medico, un paio di bicchieri ogni tanto non sono affatto un problema e non costituiscono un rischio, mentre il consumo quotidiano è da condannare.

“Le bevande gassate ottengono il loro effetto attraverso rilascio di anidride carbonica, che si scioglie in acido carbonico. Ciò conferisce un sapore rinfrescante ma rende anche queste bevande più acide. In aggiunta a ciò, il prosecco contiene anche circa un cucchiaino di zucchero per flute” spiega Damien Walmsley, consulente scientifico della British Dental Association.

Cosa accade dunque se si beve troppo prosecco?

I primi segni di “sofferenza” dei denti si iniziano a notare alla comparsa di una linea bianca appena sotto la gengiva, che se si scava e diventa è un po’ morbida. A lungo termine, si danneggia lo smalto e infine si può arrivare anche alla caduta dei denti.

Meglio la champagne…

…dicono i dentisti inglesi, secondo i quali il “cugino” francese dello spumante contiene meno zuccheri. Inoltre, il prosecco ha un pH di 3,25, acido quasi quanto le bevande frizzanti.

Altra cattiva abitudine è lavarsi i denti subito dopo aver bevuto prosecco. Oltre a non eccedere nelle quantità, i dentisti britannici raccomandano di aspettare qualche ora prima di lavare i denti per dare il tempo allo smalto di indurirsi.

LEGGI anche:

Solo in Gran Bretagna, si consumano oltre 40milioni di litri di prosecco all’anno, con un mercato in forte crescita. Nel 2016 è cresciuto del 34%.

Fake news?

La notizia, riportata da una serie di quotidiani britannici tra cui il Guardian e Indipendent, però non è stata gradita in Italia, al punto da essere considerata una vera e propria fake news, creata ad arte per favorire le vendite di birra inglese invece di un prodotto italiano. A sostenerlo è il sito LondraItalia:

“Un vero e proprio scivolone del Guardian, una fake news scritta, a nostro giudizio, con l’unico obiettivo di portare i lettori del quotidiano a abbandonare il Prosecco (italiano) a favore della birra (britannica). E non per salvare i propri denti ma per sostenere l’economia del Regno.”

Anche il Ministro delle politiche agricole Maurizio Martina ha ironizzato su quanto sostenuto dai media inglesi rispondendo direttamente su Twitter:

Prosecco contro birra, Italia contro Gran Bretagna. Chi la spunterà nella guerra ai denti più sani?

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook