Mangiare troppe patate aumenta il rischio di pressione alta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Che correlazione c’è tra patate e ipertensione? Le patate sono buone, economiche, saziano e si prestano ad essere utilizzate in tante ricette insieme a diversi ingredienti. Attenzione però a non eccedere nel consumo di questi tuberi.

Una nuova ricerca, condotta dall’ospedale Brigham and Women in collaborazione con la Harvard T.H. Chan School of Public Health a Boston ha evidenziato infatti come mangiare troppe patate aumenti il rischio di pressione alta.

Per arrivare a questa conclusione i ricercatori, che hanno visto pubblicati i risultati dello studio sul British Medical Journal, hanno preso a campione decine di migliaia di volontari tutti con pressione del sangue normale. Di ciascun partecipante è stato analizzato il regime alimentare con una particolare attenzione alla frequenza nel consumo di patate. Così è emerso che coloro che amavano di più le patate e le consumavano 4 o più volte a settimana (indipendentemente dal modo in cui venivano cucinate) erano più a rischio pressione alta.

Percentualmente parlando, il rischio maggiore dei grandi consumatori di patate di ammalarsi di ipertensione rispetto a chi consuma meno questo alimento (massimo una volta al mese) è stato stimato in un +11% (per le patate bollite) fino ad un 17% (per quelle fritte). Ma quale componente delle patate sarebbe responsabile di tale svantaggio? I ricercatori si sono orientati sull’amido contenuto in questi tuberi.

L’ha spiegato Lea Borgi, coordinatrice dello studio:

“abbiamo visto che se un partecipante sostituiva a una porzione di patate una verdura non contenente amidi, il suo rischio di ipertensione si riduceva”.

Sembrerebbe quindi consigliato limitare il consumo di patate a fronte di altri alimenti di origine vegetale. Ciò in particolare a causa dell‘alto indice glicemico di questi tuberi che vanno ad aumentare velocemente i livelli di zucchero nel sangue. Un’indicazione che può tornare utile in particolare a chi soffre già di pressione alta.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook