Pagpag: la zuppa di spazzatura dei poveri di Manila (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Cosa succede agli avanzi dei ristoranti e non solo? A Manila, la capitale filippina la carne buttata nella discarica viene lavata, bollita e rivenduta a chi non può permettersi di comprare prodotti direttamente dal supermercato.

Si chiama “pagpag” che in lingua tagalog significa letteralmente “scrollar via lo sporco” ed è appunto un alimento mangiato dalle persone più povere, ma anche l’unica fonte di guadagno per migliaia di persone. Manila è la città asiatica dove la povertà è la più persistente, soprattutto perché il tasso di natalità è molto alto.

Per arginare il fenomeno, da qualche anno esiste questa sorta di carne riciclata che è l’unico modo che hanno i più poveri di poter mangiare questo alimento. In pratica, la carne viene recuperata dalla discarica dai raccoglitori di pagpag, la cui storia viene anche raccontata in un documentario dal titolo Meal of the day (2014) che ne mostra la lavorazione.

Si lavora di notte, tra le tre e le quattro del mattino per cercare anche pesce o verdure scadute. I raccoglitori guadagnano poco più di 3 euro al giorno e ogni busta di avanzi recuperati viene venduta a circa 50 centesimi o direttamente alle famiglie o a ristoratori che poi la rivendono a 20 centesimi a ciotola. Una pratica che naturalmente non è immune a tanti rischi per la salute.

pagpag1

Si va dall’ingestione di veleni o tossine fino alla probabilità di contrarre epatite A, febbre, diarrea, colera, tifo. A denunciarlo è la National Ant-Poverty Commission filippina, tuttavia le persone che non hanno alternative, scelgono di correre questo rischio.

pagpag4

Attenzione questo video contiene immagini che potrebbero urtare la vostra sensibilità

Per impedire ai filippini di mangiare pagpag da qualche anno alcuni senatori stanno spingendo per l’approvazione della Food Bank Law, che vieterebbe a supermercati, ristoranti e altri negozi alimentari di buttare via il cibo avanzato, incoraggiandoli invece a donarlo a enti di beneficenza e banche alimentari.

pagpag3

La sfida alla fame è insormontabile, si stima che siano circa 805 milioni le persone povere o malnutrite, contro il resto del mondo dove ci troviamo di fronte al problema opposto: tantissimi disturbi legati all’obesità e al sovrappeso. Inoltre secondo la Fao, ogni anno un terzo del cibo mondiale viene sprecato.

Potrebbero interessarvi:

Dominella Trunfio

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook