@ belchonock/123rf.com

Nuovo studio conferma che gli omega-3 allungano la vita. Fai il pieno di cibi che ne sono più ricchi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Assumere la giusta dose giornaliera di acidi grassi omega-3 allungherebbe la vita, secondo un nuovo studio.

I ricercatori della Framingham Offspring Cohort hanno provato a stabilire una connessione fra l’assunzione di acidi grassi omega-3 e la longevità. Per fare questo hanno monitorato 2.240 volontari di età superiore agli 11 anni e hanno analizzato i livelli di omega-3 presenti nel loro sangue.

Sembrerebbe proprio che avere più alti livelli di acidi grassi nel sangue sia indicatore di una vita più lunga, soprattutto nei più anziani (over 65): infatti, alti livelli di omega-3 (abbinati a una non-dipendenza dal fumo di sigaretta) aumentano le probabilità di sopravvivenza in età avanzata.

aspettativa di vita omega 3

@ The American Journal of Clinical Nutrition

Ma perché gli acidi grassi sono associate a un’aspettativa di vita più lunga? Innanzitutto, perché contribuiscono al buon funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni, riducendo così il rischio di infarto, ictus e altre patologie cardiovascolari. Inoltre, contribuiscono a ridurre le infiammazioni nel nostro organismo. 

Gli acidi grassi si dividono in omega-3 e omega-6: mentre i secondi sono facilmente reperibili in alimenti tipici della ‘dieta mediterranea’, i primi non sono sempre assunti in dosi corrette.

Quali sono. oltre al pesce grasso, quindi i cibi maggiormente ricchi di omega-3 e come possiamo introdurli nella nostra dieta?

  • Semi di lino: possono sembrare piccoli, ma sono una miniera di omega-3 – in particolare di acido α-linolenico, che svolge un ruolo fondamentale nella prevenzione delle malattie cardiovascolari (come dimostrato da questo studio); inoltre, i semi di lino sono anche un’ottima fonte di magnesio, fibre e tiamina;
  • Semi di chia: anche questi sono un alimento molto piccolo, ma dall’effetto benefico potentissimo: hanno un alto contenuto proteico (contengono più proteine dei semi di lino) e sono al contempo importante fonte di omega-3. Aggiungerli alla nostra dieta è davvero facile: basta un cucchiaino nell’insalata o nello yogurt.
  • Noci: tutta la frutta secca è ricca di omega-3, ma le noci sono quelle che ne contengono quantità maggiori – ecco perché si raccomanda di consumare ogni giorno un pugno di questi frutti per migliorare la salute del sistema cardiocircolatorio, ridurre le infiammazioni e attenuare i sintomi della depressione.
  • Olii di alghe: possiamo aggiungerli ai nostri piatti mentre cuciniamo per fare il pieno di acidi grassi. Oltre a questi, anche l’olio di colza è una fonte completamente vegetale di omega-3 (al pari dell’olio di semi di lino e dell’olio di noci). 

Seguici su Telegram Instagram Facebook TikTok Youtube

Fonte: The American Journal of Clinical Nutrition / National Institutes of Health

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook