Okra: le fantastiche proprietà e come usarla per valorizzarne i benefici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dalle sembianze di una zucchina o di un peperoncino verde, l’okra (Abelmoschus esculentus o altrimenti detto gombo), conosciuta anche come “zucchina del Medioriente”, è una verdura ottima e gustosa ma sconosciuta ai più. Molto probabilmente originaria dell’Africa, l’okra ha al suo interno dei semi e una sostanza gelatinosa. Ma quali proprietà ha l’okra? E come usarla al meglio?

Dal sapore dolciastro, simile all’asparago, è l’ingrediente base della cucina tradizionale africana, ma è diffusa anche in molti piatti delle popolazioni della fascia tropicale, dall’India al Messico fino a Grecia e Turchia. Una piccola produzione viene fatta anche in Italia, soprattutto in Sicilia.

Cos’è l’okra e zone di produzione in Italia

L’okra è una pianta di origini africane il cui baccello di colore verde, che in media è lungo 8 centimetri, è edibile e molto utilizzato in cucina.

Appartiene alla stessa famiglia della malva, dell’ibisco e della pianta del cotone, ha un aspetto simile a quello di un fagiolino verde o di una zucchina e il suo baccello è costoluto e tenero. Il sapore ricorda quello degli asparagi ed è detta anche “dita di donna” per via della forma dei suoi frutti.

La sua coltivazione è stata introdotta solo recentemente anche in Italia. La Sicilia è la regione con la maggior produzione (90%), ma anche altre regioni, come la Sardegna, il Lazio e la Toscana, hanno iniziato a coltivare questa pianta (la temperatura di coltivazione ottimale è di 30 gradi, ma cresce bene anche con climi miti, intorno ai 16 gradi).

Proprietà dell’okra

L’okra ha interessanti proprietà nutritive e nutraceutiche. I suoi semi sono fonte di lipidi e proteine. In più, l’okra è molto simile alla soia per la presenza di amminoacidi essenziali e non essenziali e per le alte quantità di lisina e triptofano.

Possiede tante fibre e pochissime calorie – 100 g di okra contengono poco più di 30 calorie – e ha un gusto particolare e delicato. La sua radice è ricca di mucillaggini e può essere utilizzata come emolliente in sostituzione dell’altea. In cucina è utile per legare minestre e salse grazie alla sostanza gelatinosa che contiene.

Inoltre, tra le proprietà dell’okra si annoverano:

  • per le elevate quantità di fibra alimentare, l’okra è l’ideale per la salute del tratto. Inoltre, aiuta a eliminare il gas e il gonfiore addominale, lenisce l’intestino irritabile e le ulcere
  • combatte il colesterolo alto e la glicemia alta, grazie soprattutto alla sostanza gelatinosa che contiene una mucillagine utile a controllare l’assorbimento del colesterolo e degli zuccheri nel sangue
  • contiene elevate quantità di vitamina A, vitamine del gruppo B, vitamina C, vitamina E e vitamina K
  • contiene elevate quantità di minerali: contiene calcio, sodio, selenio, ferro, zinco, manganese, rame, potassio e magnesio
  • contiene flavonoidi e altre sostanze antiossidanti
  • è ricca di acido folico, per cui è un valido alleato per le donne in stato di gravidanza
  • la mucillagine presente aiuta a regolare lo zucchero nel sangue mediante il controllo del suo assorbimento nell’intestino tenue
    favorisce la perdita di peso
  • è utile anche contro mal di gola, tosse, raffreddore e febbre e rinforza le difese immunitarie

Valori nutrizionali dell’okra

okra semi

(Fonte Medical news today)

Parte edibile 86%
Energia 31 kcal
Acqua 90.17 g
Proteine 2 g
Carboidrati 7.03 g
Fibre 3.2 g
Lipidi totali (grassi) 0.1 g
Zuccheri totali 1.2 g
Grassi saturi totali 0.026 g
Acidi grassi monoinsaturi totali 0.017 g
Acidi grassi polinsaturi totali 0.027 g
Colesterolo 0 mg
Calcio 81 mg
Ferro 0.8 mg
Fosforo 63 mg
Potassio 303 mg
Sodio 8 mg
Zinco 0.6 mg
Vitamina E (alfa-tocoferolo) 0.36 mg
Vitamina C, acido ascorbico 21.1 mg
Folati totali 88 mcg

Dove trovare e come utilizzare l’okra

okra zuppa

L’okra la si può tranquillamente negli ipermercati accanto ai prodotti esotici e nei supermercati biologici. È possibile reperirla anche presso qualche negozio etnico oppure coltivarla a casa.

L’okra può essere consumata fresca in insalata, ma è buona anche cotta a vapore o stufata. L’ideale è utilizzarla come addensante per zuppe e minestre.

Dell’okra si possono usare le foglie per la preparazione di tisane. Dai semi maturi si ottiene un olio da tavola, mentre i semi secchi e macinati sono un’ottima alternativa al caffè.

Conservate l’okra in frigorifero al massimo per 2 o 3 giorni (quando l’acquistate i frutti devono consistenti e avere colore verde intenso senza macchie) oppure mettetela sott’aceto o congelatela (sia da fresca che dopo averla sbollentata leggermente).

Leggi anche:

Radicchio: varietà, benefici e valori nutrizionali

Verza: le straordinarie proprietà nutrizionali e come cucinarla per mantenere i benefici

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook