Cibo spazzatura come il tabacco: foto shock sulle confezioni per sottolineare i rischi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono passati ormai 10 anni da quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha pubblicato la Global Strategy on Diet and Physical Activity and Health riconoscendo di fatto i rischi sulla salute di un’alimentazione scorretta. Nonostante si sappia e se ne parli, l’obesità è un fenomeno sempre più dilagante nei paesi occidentali e secondo le maggiori organizzazioni a livello mondiale è giunta l’ora di fare qualcosa di concreto e radicale per arginare il fenomeno.

I dati parlano chiaro: i decessi a livello mondiale a causa di obesità e sovrappeso sono passati da 2,6 milioni nel 2005 a 3,4 milioni nel 2010. Le associazioni Consumers International e World Obesity Federation, chiedono ai governi che l’industria alimentare sia regolamentata proprio come quella del tabacco. Alcuni cibi, infatti, rappresentano un grande rischio per la salute in maniera diversa ma altrettanto pericolosa delle sigarette.

A detta degli esperti, i governi di tutto il mondo devono decidersi ad imporre regole obbligatorie per l’industria alimentare e per quella delle bevande apponendo sulle confezioni dei prodotti non solo delle etichette dettagliate ma anche delle foto shock di persone obese, mostrando così visivamente i danni che mangiare quell’alimento o quella bevanda può arrecare alla salute.

Questo però è solo uno dei tanti provvedimenti necessari secondo le due associazioni. Tra le altre cose si suggerisce di eliminare completamente entro i prossimi 5 anni i grassi artificiali, diminuire il quantitativo di sale e zucchero all’interno dei prodotti, aumentare la tassazione sul junk food, rendere più difficili le autorizzazioni al commercio di alcuni cibi e bevande e vietare o limitare le pubblicità di questi alimenti (soprattutto in tv nelle fasce orarie dedicate ai bambini).

È importante però che queste direttive siano parte di una “convenzione globale” per evitare che ogni paese faccia una legge a suo modo che in alcuni casi potrebbe essere troppo morbida e dunque non risolutiva.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– I bambini in sovrappeso all’asilo rischiano l’obesita’ da adulti

– Chi non mangia frutta e verdura rischia l’obesità

– Junk Food: i 10 peggiori cibi da evitare nelle nostre diete

Junk food: 5 strategie di marketing utilizzate per spingere all’acquisto di cibo spazzatura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook