Noci e arachidi: mezza manciata al giorno per ridurre il rischio di ammalarsi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Noci, mandorle, arachidi e tutta la frutta a guscio in generale (salvo casi di allergia) è un vero e proprio toccasana per la salute. Da tempo l’assunzione di frutta a guscio era stata associata con un rischio di mortalità più basso, ma pochi studi fino a questo momento avevano indagato il rapporto tra consumo di frutta a guscio e riduzione del rischio cardiovascolare e di altre gravi malattie.

Basta mangiare una piccola manciata di frutta secca al giorno per vivere più a lungo. Lo studio in questione è stato pubblicato sulla rivista scientifica International Journal of Epidemiology. Viene considerato come uno studio completo e significativo rispetto alle ricerche condotte fino ad ora.

La nuova ricerca è stata realizzata all’interno del Cohort Study, che è in corso nei Paesi Bassi dal 1986 e che coinvolge 120 mila persone tra uomini e donne olandesi. Gli autori dello studio hanno concluso che gli uomini e le donne che mangiano almeno 10-15 grammi di noci o arachidi al giorno – circa mezza manciata – hanno una riduzione evidente del rischio di morte per alcune gravi malattie rispetto alle persone che non consumano né frutta a guscio né arachidi. Nello studio, come nella vita quotidiana, le arachidi vengono considerate tra la frutta a guscio, anche se dal punto di vista botanico sono imparentate con i legumi.

Il rischio di mortalità si riduce per quanto riguarda le malattie respiratorie, le malattie degenerative, il diabete, il cancro e le malattie cardiovascolari. Le arachidi proteggono la salute come le noci, ma il burro di arachidi industriale (che spesso ha ingredienti aggiuntivi come oli vegetali, sale e acidi grassi) non dà lo stesso effetto.

Studi precedenti condotti negli Usa e in Asia avevano mostrato un’associazione tra consumo di noci e arachidi e minor rischio di malattie cardiovascolari, ma il nuovo studio è considerato sorprendente soprattutto per l’aspetto legato alla riduzione del rischio di cancro e di diabete, tra le malattie più preoccupanti del nostro tempo.

Il merito sarebbe tutto dei grassi polinsaturi, delle vitamine, degli antiossidanti e dei composti bioattivi presenti nella frutta a guscio, sostanze in grado di ridurre il rischio di ammalarsi. E 15 grammi di frutta a guscio al giorno apportano meno di 100 calorie, dunque non è un problema inserirle come spuntino nel corso delle nostre giornate.

Marta Albè

Leggi anche:

Noci e arachidi fanno bene: tutti gli studi che lo dimostrano
Frutta secca: le noci sono preziose per la salute del cuore
Arachidi e frutta secca in gravidanza per ridurre il rischio di allergia nel bambino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook