Nella melagrana il segreto naturale anti-age contro la perdita di massa muscolare

Una molecola che deriva dal consumo di melagrana potrebbe prevenire la perdita di massa e forza muscolare negli anziani.
Si tratta dell’urolitina, prodotta dal microbiota intestinale in seguito al consumo di succo di melagrana e in grado di migliorare la salute muscolare.

Melagrana contro l’invecchiamento muscolare

La melagrana, frutto del melograno (Punica granatum), contiene numerose sostanze benefiche per il nostro organismo, tra cui ellagitannini, vitamine e minerali.

Gli ellagitannini sono molecole particolarmente interessanti poiché dotate di note proprietà antiossidanti e neuroprotettive e di una probabile azione anti tumorale.

Gli ellagitannini sono tannini presenti nella melagrana, nelle noci e nei frutti di bosco: una volta idrolizzati a livello intestinale, gli ellagitannini liberano acido ellagico da cui deriva l’urolitina A.

Negli studi condotti in passato su animali anziani, l’urolitina A è risultata in grado di stimolare la degradazione selettiva dei mitocondri difettosi, e di migliorare la salute muscolare. Recentemente è stato pubblicato su Nature uno studio effettuato dal Politecnico di Losanna per valutare la sicurezza legata alla somministrazione di urolitina nell’uomo.

Durante l’esperimento è stata somministrata urolitina a diversi dosaggi in soggetti anziani, sani e sedentari.
I risultati dello studio, oltre dimostrare la sicurezza della molecola, ha mostrato la capacità dell’urolitina di migliorare la salute mitocondriale e cellulare.

L’effetto potrebbe essere paragonabile a quello che si ottiene grazie all’attività fisica, che spesso gli anziani non riescono a svolgere, perdendo così massa e forza muscolare.

Sarcopenia: la perdita di massa muscolare nell’anziano

Una persona su due oltre gli ottanta anni è colpita da sarcopenia, cioè una riduzione graduale di massa e prestazioni muscolari.
La sarcopenia è causata principalmente dall’insufficiente attività fisica e da un apporto inadeguato di proteine nell’anziano: le persone anziane spesso faticano a svolgere una regolarità attività fisica e a nutrirsi in modo adeguato.

Carenze proteiche e sedentarietà causano a loro volta la riduzione della sintesi proteica e dell’attività enzimatica nei mitocondri, organelli cellulari deputati alla produzione di energia.

I risultati degli studi sugli animali e di questa ulteriore ricerca potrebbero suggerire la somministrazione di urolitina negli anziani per sopperire alla carenza di attività fisica e prevenire la perdita di massa muscolare. Potrebbe rivelarsi utile soprattutto in quelle persone che per diversi motivi non possono svolgere regolare attività fisica.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook