Nausea: cosa la scatena, cosa mangiare e come alleviarla?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un disturbo davvero fastidioso che scombussola la stomaco: la nausea è un sintomo abbastanza comune che talvolta può portare anche al vomito e che per lo più si associa a disturbi innocui e passeggeri, ma anche a determinate malattie più complesse. Ma cosa scatena la nausea e come poterla alleviare?

In generale, quel che è certo è che la nausea non è una condizione patologica a se stante ma piuttosto il sintomo di alcune malattie, molte a carico dell’apparato gastrointestinale, che si manifesta con una sensazione di malore alla parte superiore dello stomaco e che sale fino alla parte posteriore della gola.

Se in alcuni casi si presenta come una sorta di difesa dell’organismo, in altri la causa altro non è che l’effetto collaterale di alcuni farmaci, un’indigestione o il segnale di una gravidanza. Laddove dovesse presentarsi con una certa frequenza o in seguito a un trauma alla testa, cefalea, è bene rivolgersi a un esperto.

Cosa scatena la nausea?

Molti fattori possono scatenare la nausea. Le cause possono andare da problematiche riguardanti gli organi addominali o pelvici – come la colite, le mestruazioni dolorose, l’epatite, il reflusso gastroesofageo o la gastrite – a disturbi al sistema nervoso centrale – come emicrania, ictus o traumi alla testa ed emorragie cerebrali – fino a problemi riguardanti i centri dell’equilibrio dell’orecchio interno – come vertigine parossistica posizionale benigna, labirintite o chinetosi.

A provocare la nausea, inoltre, possono essere anche fattori come:

  • una gravidanza
  • alcune allergie alimentari
  • la pillola anticoncezionale
  • una terapia chemioterapica
  • alcuni antidepressivi
  • l’ipoglicemia
  • l’abuso di alcol
  • l’anestesia generale

Cosa mangiare e come alleviare la nausea

Quel che forse è meglio fare, soprattutto se la nausea è chiaramente dovuta a problemi di digestione o alla mancata digestione di alcuni alimenti, è darsi al digiuno e saltare uno o due pasti.

Se si vuole mettere nello stomaco qualcosa, è consigliabile un brodo di verdure o una bevanda calda, come una buona camomilla. Può essere utile bere del tè al limone o della limonata calda, ma anche bere un po’ di acqua di cottura del riso.

Inoltre, uno dei rimedi naturali più conosciuti in caso di nausea è lo zenzero: bere una tisana allo zenzero, mangiare un pezzetto di zenzero fresco o candito oppure un cucchiaino di miele con un pizzico di zenzero in polvere può placare la nausea in breve tempo, ma se siete incinte consultate prima il medico. Per la nausea da viaggio, inoltre, potreste versare una o due gocce di olio essenziale di zenzero su un fazzoletto da annusare di tanto in tanto.

In tutti i casi è bene evitare caffeina, i cibi speziati e i cibi fritti.

Per tutti, donne incinte comprese, è utile fare piccoli pasti frequenti nell’arco della giornata, affinché il processo digestivo sia meno impegnativo per lo stomaco.

Leggete qui tutti i rimedi naturali per sconfiggere la nausea.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook