McDonald’s avverte online i dipendenti: il fast food fa male alla salute, poi chiude il sito

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il fast food fa male alla salute e porta all’obesità. “Non mangiate fast food perché fa male”, ecco la raccomandazione di McDonald’s ai propri dipendenti. L’avviso è stato diramato attraverso il sito web della multinazionale a cui soltanto gli addetti ai lavori hanno accesso. Si tratta di McResource Line.

Tramite il sito web riservato, McDonald’s avrebbe pubblicato alcuni articoli che descrivevano hamburger, patatine e cibi fritti come non salutari per l’organismo. Le avvertenze sono state accompagnate da raccomandazioni a limitarne il consumo, rivolte soprattutto a chi soffre di diabete, pressione alta o malattie cardiache.

Finalmente un ammissione di colpa? Sotto accusa soprattutto l’eccesso di grassi saturi, di sale, di zuccheri e di calorie contenuti nei cibi tipici del fast food, che possono provocare l’obesità. Ora gli articoli di denuncia non sarebbero più disponibili online, a seguito della chiusura temporanea del sito web McResource Line, probabilmente considerato scomodo.

Dalla stampa estera trapela che McDonald’s si sarebbe difesa parlando di travisamento delle affermazioni contenute negli articoli e di manipolazione del loro significato. La multinazionale del fast food avrebbe voluto forse comunicare la migliore qualità dei propri menu di oggi rispetto a quanto offerto in passato – sebbene ben poco, in realtà, sembra essere cambiato, dato che hamburger, panini, patatine, bibite gassate e cibi fritti restano i protagonisti.

Il sito è stato oscurato, e ora la stampa estera parla di un semplice errore: “Le informazioni sul sito – ha riportato la Cnbcsono state travisate e portate fuori contesto, generando giudizi e commenti inopportuni”.

McDonald’s è intervenuto immediatamente per bloccare la diffusione di dichiarazioni negative sul proprio conto. Tutto il mondo da tempo è a conoscenza degli effetti negativi del cibo da fast food, eppure il successo di McDonald’s continua. L’unica vera arma per il boicottaggio consiste nell’evitare di frequentare i ristoranti della catena.

Marta Albè

Leggi anche:

Happy Meal di Mc Donald: duro a morire!
9 validi motivi per non mangiare al McDonald’s
Hamburger di McDonald’s in perfetto stato dopo 14 anni dall’acquisto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
eBay

Come guadagnare online con i LEGO e le carte da gioco

LCI

Come il giornale e la carta che butti diventano un nuovo materiale

Deceuninck

Nuova era delle finestre: con la ThermoFibra diventano 100% riciclabili

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook