Troppa liquirizia può fare male al cuore. L’allarme della FDA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Controindicata per chi ha già la pressione alta, la liquirizia sarebbe dannosa anche per il cuore. Se mangiata in quantità elevate, e dopo i 40 anni, potrebbe infatti portare ad aritmie cardiache anche gravi.

Sarebbe sufficiente una quantità pari a 57 grammi di liquirizia nera al giorno per due settimane per trovarvi in ospedale con un ritmo cardiaco irregolare o aritmia. È il campanello d’allarme che giunge dalla Food and Drug Administration (FDA) americana, che punta il dito contro la “glicirrizina ”, il composto di dolcificante derivato dalla radice di liquirizia e che fa abbassare i livelli di potassio nel sangue.

La glicirrizina è il principio attivo presente nella liquirizia, capace tra l’altro di intervenire sui livelli di aldosterone, un ormone che regola la pressione arteriosa. È per questo motivo che la liquirizia, se consumata regolarmente e in quantità elevate, non è indicata per chi soffre di ipertensione.

Secondo quanto afferma la FDA, la liquirizia, o meglio la glicirrizina, tende ad abbassare i livelli di potassio presenti nel sangue, comportando eventuali irregolarità nel ritmo cardiaco, una pressione sanguigna troppo elevata, insufficienza cardiaca e letargia.

Lo scorso anno – spiega Linda Katz, esperta dell’Fda – l’agenzia ha ricevuto un report su un appassionato di liquirizia che ha avuto problemi medici dopo l’assunzione. E diverse riviste scientifiche hanno legato questo alimento a problemi di salute sopra i 40 ani, soprattutto in chi ha già precedenti di problemi al cuore o pressione alta. I livelli di potassio comunque tornano normali in breve tempo quando si termina l’assunzione”.

La liquirizia, insomma, se da un lato ha mille benefici come per l’apparato gastrointestinale (la liquirizia aiuta a migliorare disturbi come aerofagia, stitichezza, digestione lenta e ulcere gastro-duodenali), per la pressione bassa o per il fegato, dall’altro non è indicata in grosse quantità per chi, al di sopra dei 40 ani, ha già precedenti di problemi al cuore.

In generale, ammoniscono dalla FDA, è sconsigliabile mangiare grandi quantità di liquirizia nera in una sola volta. Per il resto, un pizzico ogni tanto non fa altro che bene!

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook