Denti e gengive: due kiwi al giorno prevengono la parodontite

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Denti e kiwi. Cosa c’entrano questi gustosi frutti con la nostra dentatura? Pare che per prevenire la parodontite basti mangiare due kiwi al giorno.

Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Pisa, recentemente premiati con il HM Goldman Prize 2017, assegnato dalla Società italiana di Parodontologia e Implantologia, infatti, il kiwi avrebbe effetti benefici (anche) nella prevenzione delle infiammazioni delle gengive.

A provocare la parodontite sono batteri che alterano la microflora del cavo orale e che possono trovarsi nella saliva e nelle tasche parodontali. Se non viene curata a dovere, questa infiammazione può anche portare alla caduta dei denti. Per prevenire patologie simili i consigli sono sempre gli stessi: lavare accuratamente i denti con lo spazzolino o con lo spazzolino elettrico, utilizzare il filo interdentale ed effettuare controlli periodici dal dentista.

LEGGI anche:

In questa ricerca, sperimentata su due gruppi di pazienti, si è evidenziato il ruolo dell’assunzione giornaliera di due kiwi nella prevenzione della malattia parodontalespiega il professor Graziani –. Questa abitudine ha infatti determinato una riduzione significativa del sanguinamento gengivale rispetto ai pazienti che non assumevano i kiwi continuando così le loro abitudini alimentari consuete. È un dato importante in quanto costituisce uno dei primi esempi di applicazioni nutraceutiche al campo dell’odontoiatria in generale e a quello della parodontologia in particolare”.

I ricercatori hanno evidenziato che l‘assunzione di kiwi ridurrebbe l’infiammazione e il distacco di gengive e denti e precisano che l’effetto benefico del kiwi è stato riscontrato nella fase di pretrattamento parodontale (ossia nella fase della pulizia delle radici sotto le gengive).

Sull’argomento leggi anche:

Cosa aspettate, allora? Una scusa in più per fare il pieno di kiwi, ma tenete comunque presente che – dicono gli esperti – che “i trattamenti di decontaminazione sono comunque necessari per contrastare l’avanzamento della malattia”. Non dimenticate, quindi, visite periodiche dallo specialista!

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook