Tuo figlio è ciò che mangi: la campagna shock che dice no al junk food durante l’allattamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alimentazione delle neomamme. Se è vero com’è vero che siamo ciò che mangiamo, è fuor di dubbio che anche il bimbo che abbiamo deciso di mettere al mondo sarà quello che mangiamo già durante la gravidanza e nei suoi primi mesi di vita. Su questo si basa il messaggio di una campagna pubblicitaria brasiliana.

Tuo figlio mangia ciò che mangi tu” è lo slogan. E le immagini parlano più delle parole: foto suggestive, con i seni dipinti con bevande gassate, hamburger e ciambelle, che creano l’illusione che i bambini stiano consumando direttamente cibo spazzatura.

Si tratta della campagna realizzata dalla agenzia Pai e studiata per la brasiliana Pediatric Society of Rio Grande, con l’obiettivo di ricordare alle neomamme che si può mettere in pericolo la salute del proprio bambino optando per una dieta povera di nutrienti o eccessivamente ricca di sostanze nocive. Nulla di trascendentale, insomma: quello che si vuol far capire è che è semplicemente necessario dedicarsi a una dieta sana, lontana dal junk food e da bibite gassate di sorta.

L’amore e l’affetto sono di vitale importanza, ma è importante educare e informare le madri sulle procedure necessarie per una corretta alimentazione e la cura del bambino“, si legge sul sito della società.

È ovvio che la cura per la propria alimentazione deve partire già da prima, dal momento (almeno) in cui si viene a sapere di essere incinte. Per garantire a noi stesse e al nascituro un corretto apporto di nutrienti e di energia, dovremmo riconsiderare con scrupolosità quali alimenti sarebbe bene escludere o limitare tra quelli che mangiamo, per evitare la possibilità di contrarre infezioni nocive o future malattie per il bambino.

allattam campagna alim2

allattam campagna alim

Insomma, una totale dedizione un bebè ve la richiederà sin dal momento stesso del concepimento. Da allora fino almeno a tutto il periodo dell’allattamento al seno a tavola dovrete ragionare per due, sempre, e non in termini di quantità (questo ormai pare scontato…) ma di qualità dei prodotti.

Germana Carillo

Photo Credit

LEGGI anche:

10 cibi da evitare in gravidanza

10 super cibi per la gravidanza

Latte materno: un super alimento. Allattare al seno fa bene a mamma e neonato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook