Intolleranza al lattosio: predisposto il 40% degli italiani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si parla sempre più spesso di intolleranza al lattosio dato che si tratta di una problematica abbastanza diffusa. Un nuovo studio ha messo in correlazione questo tipo di intolleranza con i casi di ipotiroidismo scoprendo che quando c’è concomitanza dei due disturbi è necessario aumentare la dose dell’ormone tiroideo assunto a scopo terapeutico.

La ricerca, condotta da l’UOC di Endocrinologia dell’Università La Sapienza ha visto la sua pubblicazione sul Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism.

Quando si parla di intolleranza al lattosio non ci si riferisce all’allergia agli alimenti che contengono questa sostanza (principalmente latte e derivati) ma al fatto che un certo numero di persone mal tollerano il principale zucchero presente nel latte, appunto il lattosio, in quanto carenti dell’enzima lattasi che in genere gli esseri umani hanno quando sono neonati e bambini e tendono a perdere con la crescita.
Secondo una ricerca condotta dai dottori Angelo Franzè e Anna Bertelè e pubblicata sul giornale della Società Italiana di Medicina Generale sembra che in Italia circa il 40% della popolazione è predisposto all’intolleranza al lattosio (molto spesso anche senza saperlo).

Tornando però all’ultima ricerca, il prof. Marco Centanni a capo dello studio ha dichiarato: “È noto da tempo che in persone ipotiroidee con patologie gastrointestinali (morbo celiaco, infezione da Helicobacter pylori, gastriti croniche, parassitosi intestinali) sia necessario un aumento della dose di levotiroxina per garantire il raggiungimento dell’obiettivo terapeutico. Questo studio dimostra che la dose di levotiroxina deve essere aumentata di circa un terzo rispetto alla dose ottimale, anche in pazienti intolleranti al lattosio che non seguono una dieta priva di latte e suoi derivati”.

Tra l’altro c’è da specificare che il lattosio è presente anche in alcuni farmaci tra cui proprio le compresse di ormone tiroideo, oggi il problema può essere superato grazie a delle nuove formulazioni molli o addirittura liquide, prive di lattosio e che tra l’altro, a detta degli esperti, garantiscono un migliore assorbimento.

Dalla ricerca condotta tra il 2009 e il 2012 su 34 pazienti con ipotiroidismo, (dovuto alla tiroidite di Hashimoto) e contemporanemente intolleranti al lattosio gli esperti hanno potuto stimare che in questi casi in media si ha bisogno di aumentare il dosaggio di ormone tiroideo del 31%

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Intolleranze alimentari ed allergie in aumento. Perché?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook