Indice di Qualità della dieta (IDQ): non contate le calorie ma bilanciate bene i cibi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molte volte chi sta a dieta si priva di tutta una serie di cibi considerati troppo calorici o grassi e quindi inadatti a chi vuole perdere peso velocemente. Tutto questo però spesso comporta il fatto di improvvisarsi nutrizionisti seguendo regimi alimentari sregolati, anche sulla scia di diete famose che promettono drastiche e durature perdite di peso.

Il concetto di calorie presenti nei cibi rimane importante ma non è l’unica cosa da tenere presente, è per questo che alcuni ricercatori della Sapienza di Roma hanno ideato l’Indice di Qualità della Dieta (IQD) presentato a Roma al congresso della Società italiana dell’obesità.

Per ogni alimento, questo indice valuta il risultato dell’introito di glicidi (carboidrati e zuccheri non integrali), moltiplicandolo per gli acidi grassi saturi e dividendolo per l’apporto di fibre (cereali integrali, frutta e verdura). Il calcolo può sembrare un po’ complesso, ma in realtà i presupposti da cui parte sono abbastanza semplici: ci sono cibi che fanno ingrassare rapidamente e possono avere effetti di rallentamento del metabolismo come carboidrati raffinati, grassi saturi, zuccheri; e altri alimenti che invece sono in grado di compensare gli effetti dannosi di quest’ultimi, si tratta ovviamente di cereali integrali, ortaggi e frutta.

Per arrivare a questa conclusione e ideare il nuovo indice sono state analizzate le abitudini alimentari di 120 persone: 30 vegani, 30 latto-ovo-vegetariani, 30 onnivori magri e 30 onnivori obesi, con un’introduzione di calorie giornaliera molto simile (oscillava tra le 1970 e le 2140 calorie).

A parità di calorie assunte ogni giorno da vegani, vegetariani che includono latte e uova, magri onnivori e obesi onnivori si evidenziano pesi decisamente differenti. Non è solo l’introito calorico a determinare lo sviluppo dell’obesità e del sovrappeso, ma come si costruisce il menù, bilanciando i cibi contenenti grassi saturi o glucidi con le fibre. In linea con i dettami della dieta mediterranea, i piatti privi di fibre e verdure e ricchi di grassi saturi, in particolare le carni rosse, non solo fanno ingrassare, ma facilitano lo sviluppo di malattie correlate all’obesità” ha dichiarato Andrea Lenzi, professore di endocrinologia e direttore della Sezione di fisiopatologia medica ed endocrinologia del Dipartimento di medicina sperimentale della Sapienza.

Ecco allora che è molto più facile essere obesi o sovrappeso se si è onnivori e si fa largo consumo di carni rosse grasse e formaggi senza avere un giusto apporto di frutta e verdura quotidiana. Ciò che importa dunque non è solo la quantità ma anche la qualità di ciò che assumiamo ogni giorno!

Adesso, a detta dei ricercatori, è fondamentale ampliare i risultati di questa ricerca per “poter stabilire come impiegare il nuovo indice IQD su ampia scala e renderlo utile non solo a scopo di ricerca ma fruibile a tutti”.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Le 5 peggiori diete “vip” 2013 da evitare

Masticare lentamente, ecco il segreto per dimagrire

Bastano 30 minuti di esercizio al giorno per perdere peso

Dieta mediterranea: allontana Alzheimer e demenza meglio dei farmaci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook