I postumi di una sbornia sono ufficialmente una ‘malattia’. La sentenza di un tribunale tedesco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un tribunale tedesco ha stabilito che i postumi di una sbornia possono essere classificati ufficialmente come una “malattia”. La sentenza arriva da Francoforte a chiusura di un caso contro il produttore di una “bevanda anti-postumi”.

La società – che non è stata nominata nella sentenza – affermava che i propri integratori alimentari, che altro non erano che polveri da miscelare ad acqua, potessero essere in grado di curare stanchezza, nausea e mal di testa comunemente associati proprio a una ubriacatura. Nulla di vero, secondo il tribunale non esistono bevande anti-sbornia perché quei sintomi sono riconducibili a una malattia.

Un caso bizzarro che si è presentato ai giudici di Francoforte quando i querelanti hanno affermato che quella azienda offriva mix magici anti-postumi facendo affermazioni illegali sulla salute, compresa la possibilità che quei mix miracolosi potevano eliminare anche “piccoli o temporanei cambiamenti allo stato normale del corpo”.

Cosa vuol dire? Che, secondo il tribunale tedesco, i prodotti alimentari, comprese le bevande, non possono essere commercializzati come in grado di prevenire o curare le malattie.

Le informazioni su un prodotto alimentare non possono avere alcuna proprietà nel prevenire, curare o curare una malattia umana o dare l’impressione di avere tale proprietà”, ha affermato la sentenza del tribunale regionale superiore.

I sintomi dei postumi di una sbornia come stanchezza, nausea e mal di testa – continua il tribunale – “non si verificano a causa del naturale su e giù del corpo, ma a causa del consumo di alcol, una sostanza nociva”. È per questo motivo che “anche un disturbo minore o temporaneo della natura normale o della normale attività del corpo da capire” è da considerarsi malattia.

Diffidate, dunque, da quegli integratori che promettono miracoli, nemmeno in fatto di sbornia. L’unica soluzione è non arrivare ad ubriacarsi e bere moderatamente. In ogni caso, ecco qui 5 rimedi naturali contro la sbornia.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook