I cibi biologici rendono egoisti e snob?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cibi biologici sono sani, perché non vengono mai a contatto con pesticidi e additivi chimici nocivi all’uomo e all’ambiente e, grazie al metodo totalmente naturale con il quale vengono coltivati e trasformati, mantengono inalterato l’equilibrio tra sali minerali, vitamine e proteine. Sono sicuri, perché sottoposti a periodici controlli in ogni fase della loro produzione, dagli organismi di controllo riconosciuti ed incaricati della loro certificazione. Insomma, nutrono meglio e ci proteggono da sostanze pericolose. Ma se ci rendessero anche antipatici, egoisti e bacchettoni?

Sembra incredibile, ma è proprio quanto sostiene una “autorevole” ricerca della Loyola University , New Orleans, Usa, diretta dal dottor Kendall Eskine e pubblicata su Social Psychological and Personality Science . Eskine e colleghi hanno condotto uno studio su 62 volontari, tutti studenti universitari, che sono stati divisi in tre gruppi. Ogni gruppo ha osservato immagini di alimenti, spinaci e mele il primo gruppo, gelato o cioccolata il secondo, e alimenti neutri, come l’avena o la farina, il terzo. Chiamati ad esprimere le loro preferenze, in una scala da 1 a 7, su una serie di vignette che illustravano trasgressioni ed immoralità.

I ricercatori hanno così scoperto che le 20 persone che avevano guardato le immagini dei cibi biologici aveva espresso giudizi morali più duri, con una media di 5 punti nella scala della moralità, e praticavano meno volontariato degli altri partecipanti. Tanto è bastato per dedurre che i cibi biologici rendono antipatici, egoisti e bacchettoni.

Secondo i ricercatori, infatti, chi ama il cibo biologico sviluppa un’alta considerazione di sé e per questo risulta severo nei giudizi: “questi risultati suggeriscono che gli alimenti biologici possono indurre le persone ad affermare la propria identità morale, che attenua il desiderio di essere altruista“, si legge nell’abstract.

Di conseguenza, chi “guarda” cibi biologici spesso risulta antipatico e non è disposto a aiutare uno sconosciuto. Poco importa, poi, se alcuni partecipanti non sapevano nemmeno cosa fosse un alimento biologico e se non c’era alcun legame tra il giudizio espresso e le proprie preferenze per gli alimenti biologici. O, ancora, il campione limitatissimo dei ragazzi analizzati. Questa dovrebbe essere scienza autorevole?

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook