Grassi saturi e rischi cardiovascolari: smentita la correlazione

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una nuova ricerca smentisce quelle che sono state le certezze in ambito salutistico riguardo ai grassi saturi, spesso considerati “il male assoluto”. Secondo alcuni scienziati inglesi non vi sarebbe alcun collegamento tra il consumo di questi grassi e i problemi cardiaci così come neppure servirebbe aumentare il consumo di grassi polinsaturi (Omega 3-6) per scongiurare i rischi.

In effetti il consiglio di eliminare il più possibile i grassi saturi dalla propria alimentazione per scongiurare il rischio di incorrere in malattie cardiovascolari continua ed essere abbastanza onnipresente. In realtà, secondo un’analisi effettuata da Rajiv Chowdhury dell’Università di Cambridge, prendendo in esame 72 studi scientifici a riguardo, questo consiglio non è poi così valido ma anzi, in questo modo si è andati a distogliere l’attenzione da una concomitanza di fattori di rischio che invece andrebbe presa ad esame.

Lo studio ha confrontato il rischio cardiovascolare mettendolo in relazione alla presenza nel sangue (degli oltre 600mila partecipanti) di grassi saturi mostrando come non ci sia correlazione. Anche i tanto osannati Omega 3, secondo questa ricerca, non sarebbero poi molto utili a scongiurare i rischi.

I grassi saturi sono quelli che si trovano in burro, lardo, torte, biscotti industriali, carne grassa e lavorata, formaggio e panna. Il fatto che i risultati non abbiamo evidenziato una effettiva e scientificamente provata correlazione tra grassi saturi e rischio cardiovascolare non significa che allora ci si possa abbuffare di cibi che li contengono. Secondo gli studiosi, infatti, la maggior parte di noi consuma troppe calorie e troppo grasso in generale.

Demonizzare grassi saturi o qualsiasi altra fonte di cibo non è utile a detta del ricercatore inglese. La chiave per un cuore sano rimane, secondo gli esperti, una dieta equilibrata e varia, molto ricca di frutta e verdura, e la pratica di una regolare attività fisica. Con uno stile di vita sano si può ridurre il rischio di malattie cardiache ma anche di diabete e cancro.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– Grassi saturi: negli USA la FDA vieta i “trans fat”

– Margarina senza grassi idrogenati: fa male lo stesso alla salute?

– Alimentazione: i 10 cibi nemici del cuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook