Le cucine plastic free che durano una vita

Grano duro, continuano ad aumentare i prezzi e a pagare quello più alto sono i consumatori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Prosegue ininterrottamente la corsa delle quotazioni del frumento duro sui mercati internazionali e nazionali. Questo quanto evidenziato da Italmopa – Associazione Industriali Mugnai d’Italia (Confindustria – Federalimentare) in merito ai violenti incrementi dei prezzi del grano duro susseguitisi nel corso degli ultimi due mesi.

Le quotazioni del frumento duro nazionale hanno raggiunto , sul mercato di Foggia, il picco storico di 540 euro a tonnellata. Si tratta di un incremento dell’80% rispetto ai valori registrati a inizio del mese di luglio, ma di oltre il 100% rispetto alla quotazione media registrata nel 2020.

Già nello scorso mese di luglio” sottolinea Silvio Grassi, Presidente Italmopala nostra Associazione aveva, responsabilmente, anticipato il rischio di una ‘tempesta perfetta’ sul mercato del grano duro, alla luce, in particolare, delle significative flessioni produttive attese in alcuni Paesi produttori ed esportatori e al basso livello delle scorte internazionali di grano duro. Le nostre previsioni sono state confermate da un andamento senza precedenti dei mercati che hanno registrato, in due mesi, incrementi delle quotazioni della materia prima superiori al 65%”.

Le quotazioni del frumento duro nazionale hanno così superato, su alcuni mercati, 500 euro/t – rispetto ad una media di 250 euro/t nel corso dell’ultimo quinquennio – mentre quelle del grano di importazione sfiorano ormai 550 euro/t.

Importante sottolineare” precisa Grassi ”che il costo della materia prima rappresenta mediamente oltre l’80 percento dei costi totali di produzione di un’Azienda molitoria. è chiaro  – e lo voglio evidenziare francamente – che variazioni delle condizioni di mercato di questa portata, unitamente all’incremento dei costi energetici e logistici, non potranno che avere un impatto sull’intera filiera e non solo sull’industria molitoria”.

La Cun grano

Intanto, è partita a livello operativo la Cun grano, la Commissione sperimentale sul grano duro che ha fornito il suo primo listino del prezzo del grano duro l’11 ottobre 2021 suddiviso per aree geografiche. In particolare per il frumento duro fino la proposta di prezzo (€/t) è di 509 (Min) e 514 (Max) per il Nord, 508-513 per il Centro, 521-526 per il Sud.

La Commissione Sperimentale Nazionale sul Grano duro, convocata dal Mipaaf, ha il compito di formulare le tendenze di mercato e i prezzi indicativi del settore.

Il grano duro è alla base della pasta, simbolo del Made in Italy nel mondo e della dieta mediterranea, e proprio l’Italia è il primo produttore europeo e il secondo produttore mondiale di grano duro. Per questo, un percorso di maggiore trasparenza delle quotazioni resta uno strumento importante per la filiera grano duro-pasta.

In questo contesto” conclude Grassi  “il tavolo di filiera frumento duro, la cui opportuna convocazione era stata anticipata dal sottosegretario Centinaio nel corso della nostra ultima Assemblea Generale, potrà, ed è questo il mio augurio, costituire un momento di confronto pragmatico sul superamento delle numerose criticità, da noi evidenziate ormai da più di due decenni, che contraddistinguono la filiera nazionale frumento duro, con il coinvolgimento attivo e responsabile di tutti gli attori che la compongono”.

Leggi tutti i nostri articoli sul grano: 

Crisi del grano: sempre più a rischio la produzione di pane e pasta (e i prezzi saliranno alle stelle)

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti: Italmopa/ Confagricoltura

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook