Per stare in salute ci vuole un fiore… da mangiare! Lo studio dell’Università di Pisa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I fiori si possono mangiare e fanno bene alla salute. Lo conferma un nuovo studio dell’Università di Pisa che ha approfondito le proprietà antiossidanti di 12 specie di fiori edibili.

Lo studio sui fiori edibili è stato pubblicato sulla rivista Scientia Horticolturae. I ricercatori ci ricordano che i fiori sono belli e buoni da mangiare e che nel sapore sono spesso simili alla carota o al ravanello.

I fiori sono salutari perché sono ricchi di antiossidanti. La ricerca dell’Università di Pisa ha preso in esame dodici specie comunemente utilizzate solo come piante ornamentali, dalla viola, alla petunia, alla fucsia.

La scoperta interessante è che il potere antiossidante dei fiori è risultato significativamente superiore a quello dei comuni ortaggi da foglia e, a eccezione dei bassi valori misurati nella borragine (solo 0,5 mmol FeSO4 /100 g di peso fresco), variava da 3,6 della calendula al 70,4 del tagete.

“Parte di questa elevata attività antiossidante è dovuta all’alto contenuto di antociani, almeno nel caso dei fiori con colorazioni rosso o blu e infatti le migliori proprietà nutraceutiche sono presenti nei fiori più pigmentati” – hanno spiegato i ricercatori.

Lo studio ha valutato sia le proprietà nutraceutiche che l’appetibilità dei fiori attraverso dei test di assaggio. La maggior parte dei fiori hanno un sapore apprezzabile. Ad esempio il nasturzio ricorda il ravanello, la begonia richiama il limone e l’ageratum è simile alla carota.

confezione fiori eduli
elisa bortolotti analisi fiori
elisa bortolotti raccolta fiori
spaghetti fiori

Tra i fiori ricchi di antiossidanti studiati dai ricercatori troviamo: la begonia, il nasturzio, l’ageratum, la viola, la petunia, la fucsia, la borragine, la calendula e il tagete.

Leggi anche: 10 FIORI CHE NON SAPEVATE SI POTESSERO MANGIARE

“Superata una certa diffidenza iniziale rispetto a questo ‘strano cibo’, spesso i fiori ricordano sapori speziati, acidi talvolta simili ai comuni ortaggi ma con una consistenza e palatabilità diversa, più soffice e profumata e certamente sebbene non possono certamente diventare un alimento base della nostra dieta essi costituiscono una importante opportunità in termini di sapori e salute” – hanno concluso i ricercatori.

Leggi anche: 10 RICETTE CON I FIORI APPENA SBOCCIATI IN GIARDINO

I fiori edibili sono davvero tanti e semplici da utilizzare in cucina, basta scegliere quelli freschi del nostro giardino, coltivati in modo naturale, o quelli essiccati in erboristeria. Tra i fiori edibili di cui vi abbiamo già parlato ci sono la begonia, la calendula, i garofani, le rose e il tarassaco.

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook