Etichettatura: la UE estenderà l’obbligo dell’etichetta d’origine a tutte le carni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il regolamento relativo alla fornitura di informazioni alimentari ai consumatori (etichettatura) sarà più chiaro e più completo e verrà esteso alla carne di suino, di agnello e al pollame: questo l’accordo raggiunto tra i Paesi membri, che hanno approvato oggi il testo di compromesso sul quale si dovrà pronunciare il Parlamento europeo in plenaria a Luglio.

Costretta a rivedere la legislazione vigente dopo i problemi della mozzarella blu, quello di carne di maiale, uova e latte contaminati dalla diossina aggiunta ai mangimi, fino all‘escherichia coli degli hamburger surgelati, la Commissione Europea punta finalmente su chiarezza e semplificazione delle etichettature, in cui il consumatore potrà trovare anche i valori energetici e nutrizionali e l’indicazione di allergeni per chi soffre di intolleranze alimentari.

L’accordo rappresenta una pietra miliare nella legislazione sui prodotti alimentari nell’UE di cui beneficeranno sia i consumatori che gli operatori del settore alimentare” ha commentato Renate Sommer, relatrice del Parlamento europeo per la normativa in materia di etichettatura dei prodotti alimentari, aggiungendo che “in futuro, i cittadini europei troveranno molte più informazioni sulle etichette rispetto a prima.

Le nuove regole propongono, infine, misure amministrative e giudiziarie più efficaci per combattere l’agropirateria e regole più chiare per i prodotti Dop e Igp. Inserite anche l’agricoltura di montagna e la vendita diretta tra i termini opzionali in etichetta.

Gioisce la Coldiretti, da sempre impegnata su questo fronte: “L’estensione dell’obbligo di etichettatura di origine, già previsto in tutta Europa per la carne bovina, a tutte le altre carni è un primo importante passo in avanti cha va nella direzione del pressing realizzato dall’Italia che all’inizio dell’anno ha approvato in Parlamento all’unanimità una legge sull’obbligo di etichettatura di tutti i prodotti alimentari fortemente sostenuta dalla Coldiretti” ha affermato il presidente Sergio Marini.

Ma Marini ricorda che c’è ancora tanto da fare: l’obbligo dell’indicazione del luogo di origine va al più presto esteso anche a tutti quei prodotti fino ad ora non interessati. Carni e latte utilizzati in alimenti trasformati, come prosciutti, salami e formaggi, ma anche pasta, pane, frutta e verdura trasformata e derivati del pomodoro diversi da passata. Tutti prodotti dall’origine incerta e oscura che arrivano quotidianamente sulle nostre tavole da chissà dove.

Roberta Ragni

Leggi la nostra guida come leggere le etichette

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook