Cibi avariati? No, grazie. Arriva l’etichetta che cambia colore se il prodotto non è sicuro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Quante volte sarà capitato di aprire il frigorifero e guardare con perplessità uno dei prodotti acquistati, magari perché non si legge più bene la data di scadenza o perché non ci convince il suo aspetto? Sicuramente moltissime e nel dubbio l’alimento è spesso finito nella pattumiera, secondo il detto meglio non rischiare.

Da questa riflessione e probabilmente dai dati allarmanti sullo spreco alimentare, nasce il progetto sviluppato da un gruppo di ricercatori del Dipartimento di Scienza dei Materiali dell’Università di Milano Bicocca e dell’Imperial College di Londra, grazie al coordinamento di Luca Beverina, professore associato di Chimica Organica.

Abbiamo sperimentato in laboratorio una sorta di etichetta intelligente, una smart tag che registra il livello termico degli alimenti. In pratica, per essere più chiari, sulla pellicola di tutti i prodotti freschi viene applicata un’etichetta che sviluppa una reazione chimica che genera un pigmento di colore blu e ci avverte quindi che il prodotto non è conservato alla temperatura giusta, spiega a greenMe.it il professor Beverina.

etichetta cibi confezionati

La sostanza è in principio incolore, diventa blu solo se viene superato il limite di sicurezza di 9 gradi per non più di 30 minuti. Il blu diventa più scuro se l’alimento viene lasciato per più di tre ore fuori dal frigorifero. Il tutto, quindi, servirebbe a non farci più trovare brutte sorprese, ovvero cibi avariati perché conservati in maniera non corretta.

L’aspetto singolare – continua il professore – è che comunque una volta che il nostro prodotto viene rimesso in frigo, l’etichetta non ritorna incolore, in questo modo i consumatori possono seguire la storia termica di ciò che hanno acquistato. L’etichetta termo-cromica ha mostrato la sua affidabilità in laboratorio adesso stiamo procedendo a tutte le verifiche del caso e il controllo di tossicità dell’inchiostro. Sicuramente passerano due, tre anni prima che il prodotto possa essere commercializzato.

Un’invenzione innovativa che porterebbe benefici sia ai produttori che ai consumatori.

Sarà un’etichetta economica e facile da utilizzare e non escludo – chiosa il professore universitario – che possa essere sia incorporata nelle pellicole che, venduta separatamente così da controllare in qualsiasi momento l’affidabilità dei prodotti che consumiamo ogni giorno.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

Come leggere le etichette: guida per il consumatore consapevole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook