Arriva l’etichetta braille per l’olio d’oliva

Poter scegliere consapevolmente cosa mettere in tavola è importante per tutti, nessun escluso.

E se nella stragrande maggioranza dei casi una persona non vedente o ipovedente è autonoma in tutto, lo potrebbe essere un po’ meno al supermercato, dove la scelta di prodotti buoni diventa parecchio complicata. Al di là delle scadenze in braille, poco o nulla agevola infatti la loro spesa.

E proprio a chi è affetto da disabilità visiva ha pensato il Crea, il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria che, con il suo centro di Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura e in collaborazione con l’Unione non vedenti e ipovedenti di Cosenza, ha dato vita alla prima etichetta accessibile dell’olio d’oliva.

Un bell’esempio di inclusione sociale che permetterà il libero accesso ed un’agevole fruizione delle informazioni sulla composizione e sulle proprietà dell’olio d’oliva. Composto com’è in prevalenza dall’acido oleico, un acido grasso monoinsaturo che agisce riducendo il colesterolo dannoso, dalla vitamina E e dai fenoli che gli conferiscono proprietà antiossidanti, combattendo i radicali liberi e favorendo il rinnovo cellulare, è giusto che anche chi è affetto da scarsità visiva compri il miglior prodotto.

L’etichetta alimentare, lo abbiamo sempre detto, è uno di quegli strumenti fondamentali per un consumo responsabile a tutela del consumatore, fornendo le informazioni indispensabili per un acquisto ragionato. E non solo: nel caso dell’olio extra vergine e vergine d’oliva le etichette riguardano, oltre la composizione e le proprietà nutrizionali, anche altre informazioni tra cui la denominazione di vendita e il Paese di provenienza delle olive e dell’olio. In questo modo, quindi, sarà possibile tracciare il prodotto lungo l’intera filiera, dimostrandone la genuinità e l’origine e contrastandone la contraffazione.

Per questo bel progetto, il Crea ha fornito le indicazioni per l’etichetta braille e ha creato lo storytelling per raccontare la cultivar, Sisspre, start up dell’innovazione, ha creato la tecnologia adatta all’etichetta narrante, l’Unione non vedenti e ipovedenti di Cosenza ha realizzato la grafica e stampato l’etichetta e Oli Tucci è stata l’azienda che ha promosso l’iniziativa.

“Un ente di ricerca, inserito e radicato nel territorio come il nostro – dichiara Gabriella Lo Feudo, responsabile dell’iniziativa per il Crea Olivicoltura, Frutticoltura e Agrumicoltura – non poteva non avvertire la necessità dei consumatori/cittadini e quindi, mettendo a disposizione conoscenza e competenze, ha avviato questa iniziativa sociale molto importante. Leggere le etichette è un diritto/dovere dei consumatori e tutti devono essere messi nelle condizioni giuste per poterlo fare”.

Leggi anche:

Etichette alimentari: 10 diciture ingannevoli a cui fare attenzione
Etichette alimentari: come leggere i codici su frutta e verdura
Olio extravergine di oliva, qual è il migliore? Le analisi di Altroconsumo

Germana Carillo

Giornalista pubblicista, classe 1977, laureata con lode in Scienze Politiche, Direttore di Wellme.it per tre anni, scrive per Greenme.it da dieci anni.
Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Coop

Non solo spremuta! 5 succhi ricchi di vitamine da realizzare con le arance di Sicilia

Seguici su Instagram
seguici su Facebook