Dirty Dozen 2014: la classifica di frutta e verdura con più pesticidi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ritorna Dirty Dozen, la “sporca dozzina” della frutta e della verdura con più residui di pesticidi. Anche quest’anno a pubblicarla è l’Environmental Working Group (EWG), che prende in considerazione i prodotti in vendita negli Stati Uniti, sia coltivati a livello nazionale che importati dall’estero.

L’Environmental Working Group ha confrontato i test relativi ai residui di pesticidi per i prodotti più popolari (48 in totale, tra cui mirtilli, piselli e pesche nettarine). Ha poi selezionato i 12 prodotti che presentavano i residui di pesticidi più elevati, per creare una vera e propria classifica.

Il lavoro di EWG ha l’obiettivo di diffondere una maggiore consapevolezza tra i cittadini per quanto riguarda la riduzione del rischio di esposizione ai pesticidi attraverso l’alimentazione. Come ben si sa, l’agricoltura convenzionale e industriale ne fa ancora largo uso. Secondo l’EWG, alcuni dei pesticidi più pericolosi vengono utilizzato tuttora negli Stati Uniti ed entrano a fare parte della catena produttiva e alimentare.

EWG ricorda inoltre che gli Stati Uniti non hanno seguito l’esempio dell’Europa per quanto riguarda le restrizioni relative all’impiego dei pesticidi neonicotinoidi e l’applicazione del DPA sulla frutta raccolta, che negli Usa avviene ancora, con particolare riferimento alle mele e alle pere coltivate a livello nazionale, per incrementarne i tempi di conservazione.

In particolare, secondo quanto comunicato da EWG, tutti i campioni di pesche nettarine e il 99% dei campioni di mele testati sono risultati positivi ad almeno un residuo di pesticidi. Le patate presentavano più pesticidi per peso rispetto a qualsiasi altro alimento e un singolo campione di uva conteneva ben 15 pesticidi diversi. Singoli campioni di ciliegie, sedano, pomodori e fragole presentavano 13 pesticidi differenti ciascuno.

Tra i prodotti migliori troviamo invece l’avocado: soltanto l’1% dei campioni presentava residui di pesticidi rilevabili. L’89% degli ananas, l’82% dei kiwi, l’80% della papaya, l’88% dei campioni di mango e il 61% dei campioni di meloni cantalupo non presentavano residui di pesticidi.

EWG ricorda di porre particolare attenzione agli Ogm. Sugli scaffali dei supermercati americani gli Ogm sono presenti soprattutto nei prodotti confezionati di provenienza industriale. Una piccola percentuale delle zucchine, delle zucche gialle e del mais dolce in vendita nei negozi alimentari risulta geneticamente modificata.

Mentre la maggior parte della papaya che proviene dalle Hawaii è Ogm. I consumatori non possono riconoscere i prodotti Ogm presenti nei supermercati perché non sono ancora state introdotte le etichettature obbligatorie. Per questo motivo EWG invita a consultare la Shopper’s Guide to Avoid GM Foods. Altri Ogm potrebbero essere presto approvati dall’Usda.

sporca dozzina3

Ecco la classifica Dirty Dozen 2014.

1) Mele

2) Fragole

3) Uva

4) Sedano

5) Pesche gialle

6) Spinaci

7) Peperoni

8) Pesche nettarine (importate)

9) Cetrioli

10) Pomodori ciliegini

11) Piselli dolci “snap peas” (importati)

12) Patate

Per quanto riguarda l’Italia, rimaniamo in attesa della nuova edizione del dossier pubblicato da Legambiente “Pesticidi nel piatto”. Nel 2012 i frutti che presentavano più di un residuo di pesticidi erano pere, uva e mele. Tra i campioni oltre i limiti di legge erano presenti peperoni, pesche e fragole.

pesticidi nel piatto

Consulta qui la lista completa dei 48 alimenti analizzati da EWG.

Marta Albè

Leggi anche:

5 consigli per rimuovere i pesticidi da frutta e verdura

I 12 alimenti con più pesticidi

10 alimenti che sarebbe meglio scegliere biologici

Pesticidi: negli Usa mele trattate con il DPA dopo il raccolto. E in Europa?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook