Cuore e arterie pulite a suon di broccoli e cavolfiori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Broccoli, cavoli e cavolfiori non finiscono mai di stupire. E non solo per gli effetti imbarazzanti che possono provocare a chi non li riesce proprio a digerire (e a chi gli sta intorno). Considerati una sorta di panacea fin dagli antichi romani, riscoperti da poco anche come alleati per tenere a bada la pressione alta, i broccoli hanno numerose proprietà curative e di prevenzione, alla quale, da oggi, si aggiunge quella di proteggere cuore e arterie, in particolar modo contro l’arteriosclerosi.

A dimostrarlo, una ricerca condotta all’Imperial College London sotto la direzione del dottor Paul Evans che ha messo in evidenza come gli ortaggi della famiglia delle crocifere, grazie al sulforafano in essi contenuto, riescano a riattivare l’Nrf2, la proteina addetta a mantenere i vasi sanguigni sgomberi dagli accumuli di grasso, principali cause delle malattie cardiocircolatorie come angina, infarto, ictus e, appunto, arteriosclerosi.

Nello studio pubblicato sul Journal Arteriosclerosis Thrombosis and Vascular Biology, i ricercatori sono partiti dal presupposto che non tutto il sistema circolatorio è uguale e che curve e vasi sanguigni secondari sono i punti più a rischio per la formazione di placche di grasso, in quanto privi della forma “attiva” di Nrf2 e perciò maggiormente soggetti a malattie vascolari. Il trattamento con il sulforafano, invece, ha ridotto significativamente l’infiammazione in queste aree ad alto rischio, proprio perché in grado di stimolare la preziosa proteina e, quindi, di liberarle dai pericolosi imbuti provocati dal grasso.

Il prossimo obiettivo degli scienziati capitanati da Evans sarà quello di verificare con precisione la portata della correlazione, stabilendo quanto una dieta a base di broccoli possa incidere realmente nella progressiva riduzione dell’arteriosclerosi nelle singole aree interessate. Di una cosa però sono certi: per la generale salute del cuore, è “col cavolo” che bisogna rinunciare alle 5 porzioni giornaliere di vegetali, ovviamente con i broccoli in prima linea.

Simona Falasca

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile e Co-Founder di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa di diversi settori. Appassionata di tecnologia e ambiente, ha tenuto corsi di scrittura per il web dedicati a giornalisti e studenti.
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Incendi Sardegna 2021

Le immagini, le storie e i numeri degli incendi che stanno devastando l’isola mettono i brividi

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook