Cranberry: proprietà, usi e controindicazioni del mirtillo rosso americano

cranberry

Cranberry o mirtillo rosso americano, un rimedio naturale noto soprattutto per la cistite ma anche un frutto ottimo da bere sotto forma di succo o da inserire nelle macedonie e nei frullati per il suo caratteristico sapore asprigno e le sue caratteristiche nutrizionali. Conosciamo meglio tutti i benefici del cranberry ma anche le possibili controindicazioni.

I mirtilli sono frutti molto amati ma la variante rossa (Vaccinium macrocarpon) è probabilmente quella meno conosciuta, diffusa e utilizzata. Queste piccole bacche da mangiare così come sono o da utilizzare in diverse ricette, spesso si rivelano utili anche nel trattamento di una serie di problemi di salute.

Il mirtillo rosso di origine americana era utilizzato già dalle antiche popolazioni locali per le infezioni delle vie urinarie ma anche come antibatterico per disinfettare le ferite. Questo piccolo frutto, le cui proprietà sono state confermate anche dalla ricerca scientifica, contiene infatti molte sostanze (tra cui flavonoidi, antocianosidi, acido citrico e acido malico) in grado di svolgere un’azione antibatterica e di regolare il pH dell’urina.

{index ordered=”false”}

Cranberry, proprietà

Tra i benefici per la salute dei mirtilli vi sono il sostegno a una buona igiene orale, il trattamento dei problemi renali e della vescica, il sostegno alla buona salute del cuore, la perdita di peso, il trattamento delle infezioni del tratto urinario, la promozione della salute della pelle e altro.

I mirtilli sono carichi di antiossidanti e sostanze nutritive, mangiarli regolarmente può offrire diversi benefici alla nostra salute. Tra questi:

  • Migliore salute orale: mangiare mirtilli rossi aiuta ad evitare la formazione di placca, carie e malattie gengivali.
  • Problemi ai reni e alla vescica: i mirtilli rossi contengono acido citrico e altri nutrienti che possono aiutare ad evitare la comparsa di problemi a livello dei reni e della vescica. Possono anche prevenire la formazione di calcoli renali.
  • Per le infezioni delle vie urinarie: il succo di mirtillo rosso è rinfrescante e idratante, ottimo per chi soffre di frequenti infezioni del tratto urinario come la cistite. Buoni risultati si hanno soprattutto utilizzando il cranberry a scopo preventivo ma questo rimedio viene spesso consigliato in associazione ad altri sempre di origine naturale (e in alcuni casi agli antibiotici) anche per curare cistiti sporadiche o ricorrenti. L’alto livello di proantocianidine antiossidanti (PAC) dei mirtilli rossi aiuta a fermare certi batteri dall’aderire alle pareti del tratto urinario. In questo modo, i PAC nei mirtilli aiutano a prevenire l’infezione. Tuttavia, i ricercatori del College of Medicine del Texas A & M Health Science Center di Houston hanno scoperto che mentre le compresse di cranberry possono farlo, è improbabile che il succo di mirtillo abbia lo stesso effetto. Questo perché c’è bisogno di un’alta concentrazione di mirtillo per prevenire l’adesione batterica. I succhi che beviamo non contengono quantità così elevate di PAC.
  • Benefici per il cuore: grazie alla presenza di vari minerali ed enzimi che possono aiutare a ridurre il colesterolo cattivo, i mirtilli rossi sono particolarmente benefici per il cuore.
  • Antiossidanti: i mirtilli rossi sono ricchi di antiossidanti utili a contrastare l’invecchiamento cellulare. Questo è un valido aiuto anche per tenere lontano il rischio di alcuni tipi di cancro.
  • Perdita di peso: grazie alla presenza di antiossidanti e di altre sostanze di cui sono ricchi, i mirtilli migliorano le funzionalità dell’apparato digerente e favoriscono il metabolismo, il che porta benefici a chi deve perdere peso.
  • Rafforzare il sistema immunitario: i mirtilli rossi aiutano a prevenire l’infiammazione e a rafforzare il sistema immunitario.
  • Per il benessere della pelle: grazie alla presenza di antiossidanti che contrastano i radicali liberi e della vitamina C, i mirtilli rossi aiutano anche il benessere della pelle che contribuiscono a mantenere idratata, limitando tra l’altro la comparsa delle rughe.
cranberry secco

Cranberry, valori nutrizionali e calorie

100 grammi di mirtilli rossi apportano circa 46 kcal al nostro organismo. Per quanto riguarda i valori nutrizionali:

  • Grassi 0,1 g
  • Acidi grassi saturi 0 g
  • Acidi grassi polinsaturi 0,1 g
  • Acidi grassi monoinsaturi 0 g
  • Colesterolo 0 mg
  • Sodio 2 mg
  • Potassio 85 mg
  • Carboidrati 12 g
  • Fibra alimentare 4,6 g
  • Zucchero 4 g
  • Proteine 0,4 g
  • Vitamina A 60 IU
  • Vitamina C 13,3 mg
  • Calcio 8 mg Ferro 0,3 mg
  • Vitamina B6 0,1 mg
  • Magnesio 6 mg
cranberry succo

Cranberry, usi

Il cranberry si può mangiare fresco così com’è oppure sotto forma di succo. A scopo preventivo o terapeutico si consiglia generalmente di bere 2 o 3 bicchieri.

Esiste poi anche l’integratore di cranberry o l’estratto secco che andrebbe assunto solo sotto consiglio di un esperto e che si trova disponibile in tutte le erboristerie e farmacie.

I casi in cui può essere utile sono:

  • prevenzione e trattamento delle infezioni del tratto urinario
  • ridurre i sintomi di influenza e raffreddore
  • presenza di Helicobacter pylori e ulcere allo stomaco
  • calcoli renali
  • migliorare la memoria

Come mangiare il mirtillo rosso americano

Il mirtillo rosso si può mangiare fresco oppure secco (attenzione però che non abbia zuccheri aggiunti), ad esempio come spuntino di metà mattina o metà pomeriggio, o ancora sotto forma di:

  • frullati
  • estratti
  • macedonie
  • muesli
  • marmellate
  • salse per arrosti o verdure
  • sciroppi per pancakes o dolci
  • succo

Dato che non è disponibile tutto l’anno (i mirtilli vengono raccolti a settembre e ottobre) e che spesso non è neppure facile trovare le bacche fresche, si consiglia di congelare il cranberry in modo da poterlo poi utilizzare quando serve al bisogno.

cranberry marmellata

Cranberry, controindicazioni

Il cranberry non comporta particolari controindicazioni o effetti collaterali a parte per coloro che assumono terapie anti-coagulanti, anti-aggreganti o per il diabete. In caso si assumano farmaci di questo genere ad esempio il warfarin (o coumadin), è assolutamente sconsigliato associarvi mirtillo rosso in qualsiasi forma per evitare pericolose interazioni.

Nel caso si soffra di particolari patologie o si assumano farmaci è sempre bene chiedere il parere del medico prima di consumare regolarmente succo di mirtillo rosso americano o peggio ancora un integratore a base dei suoi principi attivi.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Hello Fish!

Pesce, ne consumiamo troppo e male. Ecco come fare scelte responsabili

corsi pagamento

seguici su facebook