Crackers non salati: 13 aziende costrette a cambiare la dicitura in etichetta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

crackers salati etichette

I crackers non salati lo sono davvero? Di solito si tratta di prodotti non salati in superficie che però al proprio interno contengono comunque sale. Le informazioni presenti sulle etichette dei crackers non salati non rispetterebbero sempre le regole. Ecco che allora 13 aziende italiane dovranno modificarle.

A renderlo noto è l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcom) che sul proprio sito web ha pubblicato una comunicazione al consumatore e l’esito dell’invito a rimuovere i possibili profili di scorrettezza. In base alle verifiche effettuate a seguito della segnalazione da parte di un’ associazione di consumatori, è emerso che 13 aziende hanno riportato sulle confezioni dei crackers (oltre che di un digestivo effervescente e di un salume) delle indicazioni non corrette. Le aziende coinvolte hanno risposto all’avvertimento del garante avvenuto a otobre e dicembre 2013 – e ora dovranno agire di conseguenza (alcune hanno già modificato le diciture sulle confezioni).

Si tratta di informazioni ambigue o non in linea con la normativa comunitaria vigente. Le indicazioni sono legate all’effettivo quantitativo di sale contenuto nel prodotto. Alcune aziende hanno utilizzato espressioni come “con poco sale”, “con il 30% di sodio in meno”, “non salati” e “non salati in superficie”.

L’Autorità ha dunque invitato le 13 realtà coinvolte dalle verifiche a rimuovere le informazioni scorrette presenti sui prodotti o utilizzate per pubblicizzarli. Le indicazioni errate dovranno essere eliminate o modificate. Le aziende hanno risposto di essere già intervenute in proposito o che presto lo faranno.

Per rispettare i diritti dei consumatori, dovranno chiarire definitivamente l’effettivo apporto nutrizionale dei prodotti e il corretto quantitativo di sale presente al loro interno. Ad esempio alcune aziende dovranno utilizzare la dicitura “Crackers salati. Senza granelli di sale in superficie”.

Presto, una volta esaurite le scorte con le vecchie confezioni, tra gli scaffali dei supermercati troveremo i “crackers non salati in superficie” con le nuove diciture. Cerchiamo sempre di fare attenzione agli ingredienti degli alimenti che acquistiamo e di non cadere nelle trappole della pubblicità. L’alternativa? Prepariamo i crackers in casa. Bastano acqua, olio extravergine, farina, erbe e spezie per aromatizzarli.

sale tabella

Non sono ancora stati resi noti i nomi delle 13 aziende coinvolte. I più attenti si accorgeranno delle variazioni delle diciture presenti sulle confezioni. Vi terremo aggiornati.

creaker senza sale

Claims nutrizionali e salutistici. Clicca qui per saperne di più.

Marta Albè

Leggi anche:

Crackers alla curcuma: come prepararli in casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook