@Natalia Lisovskaya/Shutterstock

Il consumo di carne rossa aumenta l’insorgenza di tumori al colon-retto, diabete di tipo 2 e coronopatia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con l’aumento del commercio di carne rossa a livello globale, sono aumentate anche le patologie croniche connesse al consumo di questo alimento, secondo uno studio che ha messo a confronto i dati di 154 Paesi in tutto il mondo

Uno studio condotto dal British Medical Journal ha provato a mettere in relazione l’aumento del commercio e del consumo di carni rosse e processate con l’insorgenza di gravi patologie croniche. I ricercatori hanno attinto ai dati relativi all’importazione e all’esportazione di carne nel mondo, raccolti dalla FAO per scoprire in quali aree del globo le carni rosse e processate siano diventate maggiormente disponibili, e successivamente si sono concentrati sui tassi di malattia e morte connessi a tre delle più importanti patologie connesse al consumo di carne rossa e carne processata: tumore al colon-retto, diabete di tipo 2 e coronopatia.

(Leggi anche: Non solo carne rossa: anche il pollame può provocare malattie cardiovascolari. Il nuovo studio)

Come è facile immaginare, l’aumentato consumo di carne rossa ha provocato un’impennata nell’insorgenza di molte patologie croniche legate all’alimentazione. Ma non è soltanto la nostra salute ad essere messa a rischio dal consumo di carne rossa o lavorata – anche l’ambiente è messo a dura prova da questo commercio internazionale così sviluppato: emissioni di gas serra, perdita della biodiversità, riduzione degli habitat naturali sono tutte conseguenze dell’espansione degli allevamenti intensivi, ma anche e soprattutto degli scambi commerciali che uniscono ogni angolo del Pianeta (e che, tra le altre cose, hanno costi altissimi anche in termini meramente economici per i consumatori).

Lo studio ha calcolato un incremento in tutto il mondo di morti legate al consumo di carne di quasi il 75% fra il 1993 e il 2018, con sostanziali differenze fra le varie aree del mondo: si stima un aumento del 55% nei Paesi sviluppati e un tasso che raggiunge il 157% in più in quelli in via di sviluppo! Questo perché molti Paesi in via di sviluppo tendono a dipendere dalle importazioni di carni rosse e processate per soddisfare il fabbisogno di carne della popolazione che cresce ad un ritmo vertiginoso: infatti, come dimostra lo studio, negli ultimi anni i Paesi in via di sviluppo hanno aumentato il volume delle loro importazioni, mentre quelli più sviluppati hanno visto crescere i loro livelli di esportazione.

Mappa dei Paesi del mondo coinvolti nel commercio di carne rossa, che dimostra come il giro d’affari sia cresciuto enormemente negli ultimi decenni (@BMJ)

 

I ricercatori suggeriscono quindi ai governi di tutto il mondo di impegnarsi di più per salvaguardare la salute delle persone attraverso un’alimentazione più sana e più sostenibile anche per il Pianeta, che faccia crescere i numeri del commercio internazionale senza perdere di vista la difesa della natura e dell’uomo.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: British Medical Journal

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook