Bambini e ragazzi incoraggiati a mangiare junk food: McDonald entra nelle scuole

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Panini del McDonald’s in cambio di attrezzature scolastiche. I nostri ragazzi sono incoraggiati a mangiare junk food. Non è uno scherzo. Sta accadendo davvero. La nota multinazionale ha promosso un concorso in cui ha invitato gli studenti ad accumulare punti per far guadagnare al proprio istituto premi e supporti per la didattica, per un valore di 8.000 euro.

Una bella cifra, che aiuterà le 20 scuole che si sono aggiudicate il montepremi, ma di certo non i ragazzi a seguire un’alimentazione salutare. Infatti, secondo l’iniziativa “McDonald’s Premia la scuola”, basta consumare i prodotti del fast food e successivamente registrarsi al sito.

Oggi anche tu puoi aiutare la scuola, ti basta conservare lo scontrino del ristorante McDonald’s. Ogni euro speso vale un punto (3 punti se lo scontrino è stato emesso dal ristorante in EXPO) che potrai donare alla tua scuola preferita. L’istituto primo classificato per maggior punteggio in ogni regione vincerà premi in tecnologia e supporti per la didattica per un totale di 8.000 eurosi legge sul sito ufficiale dell’iniziativa.

Maggior punteggio significa dunque una cifra maggiore spesa dagli studenti all’interno del famoso fast food. McDOnald’s ha reso note sia le scuole vincitrici per punteggio che quelle estratte. Queste ultime potevano aggiudicarsi uno dei 20 Kit multimediali per la didattica, uno per regione, del valore di 2.000 euro ciascuno. Anche in questo caso, il requisito per partecipare all’estrazione era aver raggiunto la soglia di 500 punti.

Una vicenda che, com’è facilmente intuibile, ha scatenato il caos. Ne è nata un’interrogazione parlamentare del Movimento 5 Stelle. Quest’ultimo ha attaccato il Ministero dell’Istruzione dopo che il sottosegretario al Miur Davide Faraone aveva riferito di non saperne nulla riguardo all’iniziativa. Ecco il commento dei parlamentari del Movimento 5 Stelle alla Camera commentando la risposta all’interrogazione a prima firma Gianluca Vacca:

“McDonald’s, il colosso del ‘junk food’ promuove in tutta Italia una campagna con raccolta punti, finalizzata a premiare le scuole con fondi da destinare alla didattica, e il sottosegretario Faraone ci racconta che il Miur di questa iniziativa non ne sapeva nulla. Insomma, al ministero cadono dalle nuvole. In sostanza McDonald’s dice alle scuole: più mangiate da noi, più punti raccoglierete e maggiori saranno le possibilità che riceviate un premio in denaro. In Abruzzo sono due le scuole primarie premiate: la Caldari di Ortona, che addirittura sembra aver raccolto quasi 22 mila punti, ovvero 22 mila euro spesi al McDonald’s, e la Mazzocco di Montesilvano con 1300 punti, vale a dire 1300 euro di spesa. Questo caso è solo l’ultimo esempio di un problema molto più vasto: il governo non investe i fondi necessari per l’istruzione, – obbligando tra l’altro moltissimi genitori a mettere mano al portafogli con i contributi volontari – e, così facendo manda la scuola pubblica alla deriva, dove diventa preda dei privati e degli sponsor”.

Ma per Faraone si tratta di polemiche montate a tavolino:

“Complotti, lobby di potenti, corruzione e disfacimento di sani costumi: i grillini ce le mettono tutte pur di combattere le loro battaglie contro i mulini a vento. E distogliere l’attenzione. Questa volta i potenti del mondo, che per comodità chiameremo McDonald’s, avrebbero deciso di distruggere il nostro Paese, con il beneplacito e l’assenso degli ignavi italioti, che per comodità chiameremo scuole e Miur. La polemica montata a tavolino dai cinque stelle contro un Ministero disposto, a loro dire, a ingozzare i ragazzi di junk food pur di non tirar fuori neanche un centesimo per il funzionamento delle scuole è ridicola. E stanca”.

Assicura il sottosegretario che è stato raddoppiato il fondo di funzionamento alle scuole con risorse che permetteranno di garantire servizi efficienti e una programmazione mirata e stabile. Ma non solo: è stata inserita l‘educazione alimentare tra gli obiettivi principali della legge 107.

Ma oggi la realtà è che nelle scuole italiane, catene come il McDonald’s trovano ancora posto per far breccia nella pancia degli studenti.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

HAMBURGER DI MCDONALD’S SHOCK, INTATTO DAL 1995 (VIDEO)

9 VALIDI MOTIVI PER NON MANGIARE AL MCDONALD’S

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook