@Olesia/123rf

Come conservi le patate? Probabilmente le hai sempre conservate nel modo sbagliato

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le patate, se conservate male, possono diventare tossiche e dannose per il nostro organismo. Scopriamo come conservarle in modo corretto.

Le patate sono tra gli ortaggi più amati e usati in cucina, anche perché si prestano a svariate preparazioni, dai primi piatti a secondi saporiti.

Ma qual è il modo corretto per conservarle? Su questo argomento vi sono diverse teorie, più o meno veritiere, ma per consumarle in sicurezza è bene sapere come conservarle in modo corretto. Il motivo è la concentrazione di solanina, ossia una sostanza dannosa e potenzialmente cancerogena, che si trova ad esempio nelle patate germogliate e nella buccia di questi tuberi.

Come si conservano le patate

Il modo migliore per conservare le patate è riporle in un luogo fresco, buio e asciutto. Ad esempio, in un sacco di iuta o in una retina che faccia passare l’aria. Potete anche conservarle in una cassetta di legno, coprendo le patate con dei fogli di giornale.

Non vanno conservate in frigo (troppo freddo) e neanche in contenitori ermetici.

Dividete le patate in base al loro stato (separate quelle più rovinate e consumatele prima).

Non lavatele prima di conservarle e, una volta tagliate, consumate il prima possibile.

Leggi: Le patate cotte si possono conservare in frigorifero o sono tossiche?

Come consumare le patate in sicurezza

  • Le patate vecchie, essiccate, verdi o molto germinanti, così come le bucce di patate generalmente usate come snack, non sono adatte al consumo.
  • Le parti verdi e i cosiddetti “occhi” delle patate dovrebbero essere generosamente rimossi prima della cottura e del successivo consumo.
  • Se si vuole mangiare anche la buccia insieme alla patata, è bene usare solo le patate fresche e non danneggiate.
  • I piatti con patate e a base di patate non dovrebbero essere mangiati se hanno un sapore amaro.
  • I bambini piccoli non dovrebbero mangiare patate non sbucciate e germogliate.
  • E’ bene non riutilizzare mai l’acqua in cui sono state bollite le patate.
  • Il grasso di frittura per i prodotti a base di patate deve essere sostituito regolarmente. (Leggi anche: Le patate cotte si possono conservare in frigorifero o sono tossiche?)

Perché le patate possono diventare nocive

I glicoalcaloidi sono ingredienti naturali presenti in alcune piante, come le patate. Si trovano in percentuale maggiore soprattutto nelle patate verdi, in quelle germogliate e danneggiate, e anche nella buccia. 

In particolare sono la α-solanina e l’α-caconina, i derivati ​​glicoalcaloidi dominanti, le sostanze tossiche e dannose per l’uomo. Si tratta, infatti, di sostanze che, se accumulate nel nostro organismo, possono essere nocive e causare diversi disturbi come:

  • vomito
  • vertigini
  • dolori intestinali
  • diarrea
  • nausea
  • febbre.

Un’intossicazione grave, inoltre, può provocare: 

  • perdita della coscienza
  • disturbi della funzione cerebrale
  • difficoltà respiratorie 
  • problemi al sistema cardiovascolare. 

In letteratura sono stati riportati alcuni casi di avvelenamenti mortali, ma negli ultimi 50 anni non sono stati segnalati decessi per avvelenamento da glicoalcaloidi. In più, solo pochi casi di avvelenamento sono stati segnalati e documentati complessivamente negli ultimi 100 anni. 

Queste sostanze tossiche per l’uomo servono, però, alla pianta per difendersi e allontanare parassiti e germi.

(Leggi anche: Patate, istruzioni per l’uso. Quando è meglio non mangiarle)

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Bfr

Sulle patate ti potrebbe interessare:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Lingue e Civiltà Orientali presso l'Università degli Studi di Roma La Sapienza. Ha diversi anni di esperienza nella comunicazione digitale. Appassionata di beauty, fitness, benessere e moda sostenibile.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook