©pjjaruwan /123rf

Come conservare il gelato? Tutti gli errori da evitare per continuare a mangiare un buon prodotto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Perché congelato, si pensa che il gelato non sia soggetto alla proliferazione di batteri. Non è così e, anzi, anche con le vaschette che abbiamo nel freezer dobbiamo stare molto attenti

In estate, si sa, il gelato è l’immancabile prodotto che riempie i nostri freezer. Col biscotto o in vaschetta, sul cono o fatto da noi in casa, sua maestà il gelato è l’amico ideale dei caldi pomeriggio estivi, sazia al punto giusto e, perché no, è anche una carezza tenera per il nostro umore. Ma come va conservato il gelato una volta aperta la confezione?

Che sia artigianale e comprato secondo tutte le indicazioni che vi abbiamo suggerito o che sia già confezionato e preso al supermercato, su tutti i tipi di gelato bisogna stare attenti: anche per questo tipo di alimento, infatti, i batteri sono dietro l’angolo.

In molti lo ficcano nella cella frigorifera troppo tardi dopo l’acquisto, molti altri lo lasciano troppo tempo fuori dal freezer. Sul gelato, di fatto, vanno usate tutte le accortezze che si mettono in campo per qualsiasi altro tipo di cibo, pena la sua qualità e salubrità.

Leggi anche: Gelato in vaschetta alle creme: quale e come scegliere?

L’acquisto

Che lo compriate in gelateria o al supermercato, il gelato deve essere l’ultima cosa da infilare in busta e la primissima a essere messa a posto una volta a casa, altrimenti fonderà irrimediabilmente e prenderà altre sembianze (e altri sapori). E non solo: se non siete sicuri di tornare subito a casa, desistete dall’acquisto. Come comprarlo? Meglio se portate con voi una borsa frigo ermetica dove avrete posto i ghiaccioli per mantenere una temperatura adeguata. 

Al supermercato, intanto, state attenti a ciò che comprate: più volte è capitato di trovare confezioni di gelato attaccate le une alle altre, ciò significa che si era già avviato un processo di scongelamento. Non prendetele, ma avvisate la direzione. Inoltre, se la vaschetta o il contenitore sono brinati in superficie allora è meglio rimandare alla prossima volta l’acquisto. 

No al gelato ricongelato

Tutte quelle attenzioni al momento in cui si compra il gelato sono volte a un solo obiettivo: fare in modo che il gelato non debba essere ri-congelato una volta a casa. Il gelato ricongelato dopo l’acquisto o se lasciato sul tavolo da pranzo per troppo tempo è una possibile fonte di rischio per la nostra salute: il calore porta infatti i batteri a moltiplicarsi e causare qualche problema intestinale. Si tratta dei batteri del gruppo della listeria sono fra i più pericolosi.

Il cucchiaio direttamente nella vaschetta? Anche no

È la classica scena dei film, quella in cui lei – sola – affonda un cucchiaio in una mega vaschetta di gelato. Considerando che il gelato rientra tra i più golosi comfort food, ci sta anche. Ma avete mai pensato ai batteri che trovano così ampio sfogo? Se questa è la vostra abitudine, insomma, sappiate che il giorno dopo avremo un gelato arricchito di batteri che nel frattempo si sono moltiplicati sfruttando come nutrienti i grassi e gli zuccheri del gelato.

Lo stesso rimescolare nella vaschetta alla ricerca della parte più buona porta ad incorporare involontariamente dell’aria e questo rappresenta un ulteriore motivo di crescita dei batteri già presenti.

La soluzione ideale? Scegliete il gusto e mettetene quanto ne volete in un bicchiere. E, se avete ospiti, attenzione a non utilizzare lo stesso cucchiaio! Infine, lo sapevate che il cucchiaio va bagnato in acqua fredda per prendere la pallina di gelato?

Dopo che lo si mangia

Riponiamolo subito in freezer! È infatti necessario che il tempo di permanenza sul tavolo sia minimo, perché altrimenti i cristalli di ghiaccio che si andranno a formare nella vaschetta e nel gelato stesso incideranno sulla sua sicurezza microbiologica, sulla sua qualità, ma anche sul gusto e sulla consistenza.

Un trucco è anche conservare il gelato capovolto, in modo che la condensa cristallizzi sul coperchio e non sulla superficie del gelato, così come può essere utile richiuderlo ricoprendolo con della pellicola perché così facilitiamo l’apertura della vaschetta e si riduce la formazione del ghiaccio.

Infine, stiamo sempre attenti che il nostro freezer funzioni nelle sue massime prestazioni e conserviamo il gelato sul ripiano più basso.

Seguici su Telegram Instagram | Facebook | TikTok Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook