Colesterolo alto: un piatto di orzo o avena per combatterlo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Colesterolo, un indicatore importante della nostra salute da non sottovalutare. Spesso per abbassarlo si fa uso di farmaci di sintesi o naturali ma, in alcuni casi, potrebbe essere sufficiente agire a livello alimentare utilizzando cibi in grado di ridurre gli accumuli di grasso a livello del sangue o di far assorbire meno queste sostanze a livello intestinale. Tra i cibi che dovremmo mettere più spesso in tavola ci sono orzo e avena.

Questi due cereali, dai più dimenticati e consumati in maniera davvero sporadica magari all’interno di qualche zuppa di legumi o verdure, sono stati al centro di una nuova ricerca che ha dimostrato come la presenza in essi dei beta glucani (fibre solubili) possa essere di grande aiuto nella riduzione del colesterolo. E non servirebbero neppure alte dosi di queste sostanze: sono sufficienti 3 grammi di fibra al giorno il corrispettivo più o meno di un piatto di cereali (85 grammi circa), anche se a seconda della varietà di orzo e avena si possono trovare una minore o maggiore quantità di beta glucani.

La ricerca apparsa sull’American Journal of Clinical Nutrition, si è basata sulla revisione di 28 studi precedenti sull’argomento, in cui era stato fatto il confronto fra diversi tipi di diete, alcune con almeno 3 grammi di beta glucani ogni giorno e altre povere di queste sostanze. Si è potuto notare così che quelle in cui era ricca la presenza di fibre solubili contribuivano a ridurre il colesterolo cattivo (LDL) di 9.6 mg/dL e agivano in particolare proprio sulle persone che ne avevano più bisogno, ovvero coloro in cui si riscontravano livelli di grasso più elevati nel sangue.

Dato che i beta glucani si trovano anche all’interno dei chicchi dei cereali e non solo nella parte esterna (che comunque ne contiene la maggior parte) secondo gli esperti non sarebbe neppure necessario consumarli nella versione integrale: via libera dunque anche a orzo perlato e farina di avena. Inoltre, non c’è bisogno di mangiarli in quantità maggiori perché i benefici rimangono comunque gli stessi rispetto ad una singola porzione giornaliera.

Ci sono poi altri cibi in grado di tenere a bada il colesterolo potete scoprirli tutti QUI.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Avena: proprietà, benefici e come gustarla al meglio

Orzo: un toccasana per il cuore, ecco perche’

Colesterolo: 10 cibi per ridurlo e tenerlo a bada

Colesterolo alto: già dai 30 anni è pericoloso per il cuore

Avocado: uno al giorno per abbassare il colesterolo e il rischio di malattie cardiovascolari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook