Cibi con la muffa: quali si possono mangiare e quali no

Quando vediamo comparire sui nostri cibi la muffa subito ci mettiamo in allarme. Ma quando è davvero pericolosa e quando invece basta toglierla per poter consumare tranquillamente il cibo sottostante?

Con il termine muffa si intendono differenti funghi microscopici che si possono sviluppare su pareti, pavimenti, superfici varie, oggetti, ecc. Non ne sono esenti neppure gli alimenti (ad esempio frutta, verdura, pane o marmellate) sopra i quali, se vi sono determinate condizioni in fatto di umidità e temperatura, possiamo veder comparire macchie di colore bianco, grigiastro, giallo-arancio o verde.

Non sempre le muffe sono pericolose o dannose, pensiamo ad esempio alla penicillina (antibiotico) oppure più semplicemente a quelle che si utilizzano per produrre alcuni formaggi come il gorgonzola o per la fermentazione della salsa di soia.

Ve ne sono però alcune che producono micotossine, sostanze tossiche nocive per la salute che possono scatenare disturbi gastrointestinali ma anche creare problemi ad organi come reni e fegato oltre che far comparire asma, riniti e allergie.

È bene dunque sapere su quali cibi è possibile togliere la muffa consumando il resto tranquillamente e quali invece sono da gettare subito via.

Cibi ammuffiti da buttare

I cibi che bisogna gettare via in caso di muffa sono tutti quelli che hanno un elevato contenuto di umidità oppure dalla consistenza porosa. Questi potrebbero infatti essere contaminati anche al di sotto della superficie esterna e dunque contenere micotossine.

Si tratta di:

  • carne
  • bacon
  • salsicce
  • avanzi di carne cotta
  • cereali cotti
  • pasta
  • formaggi freschi tipo ricotta e mozzarella
  • yogurt
  • succhi di frutta
  • frutta e verdura molto acquose come cetrioli, pesche e pomodori
  • pane e prodotti da forno
  • frutta secca (molto pericolose le arachidi)
  • burro

In caso uno di questi cibi sia contaminato da muffa, chiudetelo subito in un sacchetto e mettetelo fuori dalla portata di bambini e animali. Pulite accuratamente la parte del frigorifero dove poggiava e gli eventuali utensili che sono venuti a contatto con gli alimenti incriminati.

marmellata muffa

Cibi che si possono ancora consumare

Si possono riutilizzare, facendo solo attenzione a togliere via la parte dove si è sviluppata la muffa:

  • salame e prosciutto
  • formaggi a pasta dura
  • frutta e verdura solide come cavolo, carote, ecc.
  • marmellata (la protegge dalle spore la presenza di zucchero che lega all’acqua)

Per approfondire l’argomento leggi anche:

Come evitare la comparsa di muffe

Conservate in luoghi adatti i differenti cibi e cercate di comprare solo quello che vi serve realmente evitando di accumulare troppo e poi far andare a male.

Una volta che avete cucinato del cibo tenetelo ben chiuso in contenitori di vetro e non lasciatelo fuori dal frigo, soprattutto se le temperature esterne sono alte.

Gli avanzi andrebbero consumati entro un massimo di 4 giorni per fare in modo che le muffe non possano svilupparsi.

Francesca Biagioli

Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Mediterranea

Come prendersi cura delle mani dopo lavaggi frequenti

Sorgente Natura

I prodotti che non dovrebbero mai mancare in una lista nascita green

Deceuninck

Finestre e serramenti in ThermoFibra: cos’è e quali sono i vantaggi della loro installazione

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook