Ti piacciono i cibi grassi? Colpa di un gene

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Scelte alimentari e geni vanno di pari passo. Pare, infatti, che la passione per i cibi grassi sia scritta nel nostro Dna e che quindi sarebbe “colpa” di una variante genetica se amiamo mangiare gli alimenti che fanno più male.

Ad affermarlo è una ricerca condotta dall’Università di Cambridge e pubblicata sulla rivista Nature Communications, secondo cui la mutazione di un gene renderebbe i cibi grassi irresistibili.

LEGGI anche: GUSTO E SCELTE ALIMENTARI? DIPENDONO DAI NOSTRI GENI

In pratica succede che i portatori di diverse varianti di un gene che codifica un recettore che si trova nei neuroni dell’ipotalamo, che è coinvolto nella regolazione del comportamento alimentare, preferiscono di gran lunga gli alimenti ad alto contenuto di grassi. E chi invece ha questa variante del recettore non amerebbe gli zuccheri.

LO STUDIO – I ricercatori hanno confrontato le preferenze alimentari di 14 portatori di rare variazioni del gene MC4R (che provocano una minore funzionalità della via di segnalazione basata sull’ormone melanocortina) con quelle di soggetti magri e obesi di controllo.

LEGGI anche: SCOPERTI I GENI DEL GUSTO: IN FUTURO CI SARANNO LE DIETE GENETICHE?

Nello specifico, sono state preparate tre varianti di pollo al curry con rispettivamente un basso, un medio e un alto contenuto di grassi, tutte fatte in modo che l’aspetto, la consistenza e il sapore fossero praticamente uguali. Dopo un assaggio di ogni pietanza, i partecipanti potevano servirsi a proprio piacimento dai tre piatti.
Ciò che emerso è che coloro che avevano il gene MC4R difettoso mangiavano il piatto con il maggior contenuto di grassi in una quantità quasi doppia (per la precisione il 95% in più) rispetto agli individui di controllo magri e il 65% in più rispetto agli individui di controllo obesi.

Il nostro lavorodice Sadaf Farooqi che ha guidato il team di ricerca – dimostra che anche se controlliamo scrupolosamente l’apparenza e il sapore del cibo il nostro cervello riesce a individuare i nutrienti che vi sono contenuti”.

Secondo le stime, il difetto genetico riguarda 1 persona obesa su 100, un ulteriore problema quindi, visto che le persone in sovrappeso sono portate a preferire cibi grassi anche senza rendersene conto.

Come fare allora? La scoperta della possibilità delle cosiddette “diete genetiche” potrebbe essere una soluzione. L’ideazione, cioè, proprio di un regime alimentare specifico per ogni persona che tenga conto di questi fattori potrebbe probabilmente essere utile non nella lotta a sovrappeso e obesità, ma anche contro ipertensione e malattie cardiovascolari.

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook