I cibi afrodisiaci non accendono la passione, ma fanno bene alla salute

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I cibi afrodisiaci servono realmente ad accendere il desiderio? Cioccolato, fragole, peperoncino, avocado, spezie, frutta secca e banane sono soltanto alcuni degli alimenti comunemente considerati in grado di accendere la passione. In realtà, nei momenti di intimità il desiderio dipenderebbe soltanto da noi, più che da ciò che abbiamo servito nel corso della nostra cena romantica.

Si tratta di quanto emerso da una ricerca condotta negli Stati Uniti da parte di Linda Harrow, professore di Nutrizione Umana presso l’Università del Kansas, secondo cui gli alimenti comunemente considerati come afrodisiaci non servirebbero ad accendere il desiderio, come molti avrebbero ritenuto fino a questo momento.

Essi non gioverebbero al desiderio, bensì alla salute. Il cioccolato, senza bisogno di eccedere nelle quantità, è ad esempio considerato come un alimento in grado di regalare energia ed ottimismo, ma non avrebbe alcun potere afrodisiaco. I suoi effetti positivi sul buonumore contribuiscono però ad annoverarlo in ogni caso tra i regali maggiormente graditi e donati in occasione di San Valentino.

Un discorso analogo sarebbe valido anche per quanto riguarda il peperoncino, le spezie in generale e la frutta secca. La loro assunzione attraverso l’alimentazione non gioverebbe alla passione, a parere dell’esperta, ma costituirebbe un toccasana per la salute per quanto riguarda la stimolazione della circolazione e la prevenzione di alcune malattie.

Per quanto riguarda gli alimenti sopracitati però, non vi sarebbero purtroppo prove scientifiche legate al loro presunto potere afrodisiaco. Non sono però da sottovalutare i loro effetti positivi sulla salute. Il cioccolato, per via del suo contenuto di cacao, ad esempio, è ricco di antiossidanti.

L’avocado è una buona fonte di potassio, fibre vegetali, vitamina E e grassi monoinsaturi che, sostituendo nella dieta i grassi saturi, possono contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache. Le mandorle, tra la frutta secca, rappresentano un’ottima fonte di calcio, mentre le banane sono ricche di vitamine e potassio. I cibi afrodisiaci, dal punto di vista del desiderio, svolgerebbero soltanto un effetto placebo. Ciò non toglie che una cenetta romantica e ben curata, composta da piatti preparati con amore, possa contribuire ad accendere la passione nel dopo cena, in occasione della festa degli innamorati, e non solo.

Marta Albè

LEGGI anche:

Cibi afrodisiaci: l’appetito sessuale vien mangiando

Gli alimenti da preferire o da evitare per migliorare la propria salute sessuale …

Pepe di Cayenna: proprietà e utilizzi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook