Non solo aglio, come la tua dieta può aumentare il cattivo odore del corpo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il corpo emana un cattivo odore? Attenti al cibo che siete soliti mangiare! Non solo alitosi, ma anche altri tipi di olezzi possono essere sprigionati dalle membra del vostro organismo.

E se è una cosa diciamo “naturale” che un pasto particolarmente saporito o una lunga giornata fuori casa con scarpe non traspiranti ci gettano in completo imbarazzo all’avvicinarsi di chicchessia, quel che non sappiamo è che ci sono determinati alimenti che, se mangiati in grosse quantità, sono i precisi responsabili del problema. Ecco quali.

Respiro, sudore e qualche altro canale attraverso cui effluvi raccapriccianti possono prendere una via: oltre a fattori genetici (e all’igiene personale!), anche l’alimentazione può influenzare l’odore della pelle.

Al di là dell’aglio, ecco 5 alimenti di cui è bene non esagerare… pena cattivi odori!

Alcol

Habitué dell’happy hour tremate: secondo il National Institut of Health quando qualche bicchierino di troppo viene assorbito nel nostro corpo, l’alcol viene metabolizzato in acetato o acido acetico e nel momento in cui il sudore acido viene a sua volta metabolizzato dai batteri della pelle, può lasciare uno sgradevole profumo.

Verdure crucifere

Broccoli, cavolo e il resto della famiglia delle crucifere possono intaccare i nostri odori su due fronti. prima di tutto, queste verdure contengono zolfo, un composto puzzolente che, una volta entrati nei batteri della pelle, permettendo loro di produrre più composti contenenti proprio zolfo. E maleodorare.

Inoltre, queste verdure possono anche causare un odore simile a quello del pesce in persone che hanno una condizione genetica chiamata “trimetilaminuria”. Ciò comporta l’incapacità del corpo di abbattere un composto maleodorante che si trova in queste verdure, così come nei fagioli, nelle uova e nel latte.

Carne rossa

Limitare il consumo di carne farebbe bene non solo all’ambiente ma anche all’odore del nostro corpo. Se da un lato anche la carne è nella lista dei cibi ricchi di odore di zolfo, i risultati di uno studio pubblicato sulla rivista Chemical Senses suggeriscono anche che mangiare carne potrebbe influire sul sudore, forse a causa degli acidi grassi. Dai dati è emerso che il sudore di coloro che seguono una dieta vegetariana è significativamente meno pungente.

Asparagi

Già è noto l’odore che gli asparagi conferiscono all’urina. “La pipì degli asparagi” è causata da un composto chiamato “metil mercaptano”. Altamente solubile in acqua, il metil mercaptano passa attraverso il sistema quasi immediatamente dopo aver mangiato gli asparagi.

Cibi speziati

Cibi particolarmente speziati e quelli a base di aglio e cipolle possono dare quello che è noto come “il sudore dell’aglio” a causa dell’elevata concentrazione di elementi volatili. Come il cavolo e il broccolo, anche questi alimenti contengono generalmente zolfo.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook