Carne rossa: raddoppia il rischio di infarti, diabete e cancro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Carne rossa, attenzione. Consumare più di 50 grammi di carne rossa al giorno può porre gravemente a rischio la salute del nostro organismo, provocando infarti, diabete e cancro all’intestino. È quanto emerge da una nuova ricerca condotta presso l’Università di Cambridge, che prende nuovamente in considerazione l’eccessiva presenza di carne nella nostra alimentazione.

Gli esperti hanno potuto accertare come un consumo quotidiano di carne superiore ai 50 grammi per gli uomini ed ai soli 30 grammi per le donne non sia per nulla benefico per la salute. L’ammontare della carne consumata ogni giorno dovrebbe quindi essere drasticamente ridimensionato rispetto ai dati che ne rappresentano la media: 90 grammi per gli uomini e 54 grammi per le donne.

Ogni 50 grammi di carne rossa in più ingeriti ogni giorno aumenterebbero il rischio di malattie a livello dell’apparato cardiocircolatorio del 50%, con particolare riferimento alle patologie coronariche. Il rischio di incorrere nel diabete di tipo 2 o di contrarre il cancro all’intestino aumenterebbe invece del 18-19%.

Secondo gli esperti ed in base a quanto dichiarato della dottoressa Louise Aston, alla guida dello studio pubblicato tra le pagine del British Medical Journal, diminuire il consumo di carne significherebbe non solo ridurre drasticamente il rischio di contrarre patologie croniche, ma anche determinare il taglio delle emissioni di 28 milioni di anidride carbonica all’anno, considerando tale dato come relativo alla sola Inghilterra.

Si contribuirebbe in questo modo ad una diminuzione dell’effetto serra, a cui contribuiscono purtroppo la deforestazione per la creazione di nuovi pascoli e gli effetti della presenza di allevamenti intensivi di bovini. Ancora a parere degli esperti, per ottenere benefici per la salute, ognuno dovrebbe diminuire il consumo di sale, oltre che di carne rossa, ed arricchire la dieta con frutta, verdure, legumi e alimenti ricchi di fibre. Siamo dunque tutti destinati a diventare vegetariani entro il 2050 per salvare noi stessi e il Pianeta?

Marta Albè

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook