Caffeina: il 50% delle persone che beve caffe’ nedipendente

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Molte persone utilizzano il caffè come arma efficace contro la stanchezza e i cali di attenzione durante lo studio o il lavoro. A volte però si esagera e il piacere di un buon caffè diventa una vera e propria dipendenza da caffeina, spesso sottovalutata come dicono gli esperti.

L’allarme arriva da un’analisi comparata, condotta da Laura Juliano dell’American University di Washington che ha voluto analizzare le ricerche precedenti sul tema pubblicando poi i risultati sul Journal of Caffeine Research. Secondo la ricercatrice bere troppo caffè ogni giorno può portare alla comparsa di veri e propri sintomi da astinenza e anche all’incapacità di ridurre il consumo di caffeina, dunque a soffrire di quello che è stato chiamato Caffeine Use Disorder, una vera e propria dipendenza!

Il fatto è che le persone spesso non si accorgono di avere questo problema e non cercano di ridurre il consumo di caffè neppure in momenti delicati come quello della gravidanza oppure quando compaiono veri e propri disturbi come problematiche cardiovascolari. E, secondo gli studi analizzati, sarebbe ben il 50% delle persone che bevono regolarmente caffè ad avere questa dipendenza.

Così ha spiegato la situazione la dottoressa Juliano: “Gli effetti negativi della caffeina non sono spesso riconosciuti come tali perché si tratta di una droga socialmente accettabile e ampiamente consumata che e’ ben integrata nelle nostre abitudine e routine. Ma mentre molte persone possono consumare caffeina senza danni, per alcuni questa sostanza puo’ produrre effetti negativi, dipendenza fisica, interferire con il funzionamento quotidiano e dare sintomi di astinenza”.

Ecco allora alcuni consigli concreti che arrivano dagli esperti: gli adulti sani dovrebbero limitarsi a consumare non più di 400mg al giorno di caffeina. Diverso il discorso per le donne incinte, che non dovrebbero superare i 200 mg al giorno, e per chi soffre di ansia, insonnia, problemi cardiovascolari, pressione alta che dovrebbero limitarne il consumo ancora di più.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

– 20 usi alternativi per il caffe’

– Caffe’: fa bene, ma non di prima mattina o a pranzo

Caffe’: un aiuto contro il tumore?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook