Il caffè è più buono se riduce scarti e rifiuti puntando sulle tre R

caffè-vergnano

Anche un semplice caffè, sorseggiato la mattina a casa o al bar, ha un impatto ambientale che non dovremmo sottovalutare. Fortunatamente sempre più aziende si stanno muovendo in direzione di una maggiore eco-sostenibilità, riducendo i rifiuti soprattutto negli imballaggi e promuovendo il riutilizzo, in piena ottica delle tre R (riduci, riusa, ricicla). Tra queste spicca l’impegno “green” di Caffè Vergnano.

Che sia preso a casa e preparato con la moka o con le capsule o ancora al bar, il caffè è un momento di piacere che può costare molto in termini di rifiuti e impatto sull’ambiente. Pensate alle confezioni in plastica che racchiudono i chicchi o il caffè macinato, alle capsule che si accumulano creando montagne di rifiuti nelle discariche e all’alluminio dei contenitori di caffè destinati ai bar.

Caffè Vergnano si è impegnata a 360 gradi per ridurre al minimo l’impatto dei suoi prodotti, sia quelli destinati alle famiglie che quelli per i bar, dando quindi una vera e propria svolta ecologica alle sue referenze e riuscendo così a raggiungere e coinvolgere un numero molto grande di consumatori.
Riduzione dei rifiuti, riciclo, recupero e riutilizzo sono le parole chiave alla base del cambiamento che tutti noi vogliamo e speriamo, ma quali sono concretamente le alternative che riguardano il caffè?

Capsule compostabili

capsule vergnano

Per chi prepara in casa il caffè con le apposite macchine per espresso, Vergnano ha lanciato la prima linea di capsule compostabili realizzate con poliesteri biodegradabili, ottenuti in parte da fonti rinnovabili e compatibili con le macchine Nespresso e Èspresso1882 TRÈ. Visto il grande successo, è stata poi realizzata un’ulteriore gamma di capsule sempre compostabili ma questa volta compatibili con le Lavazza A Modo Mio.

Un importante cambiamento che fa bene all’ambiente, considerando, tra l’altro, che tutte le precedenti capsule dell’azienda sono state tutte sostituite con le nuove che vantano la certificazione “OK COMPOST” di Vinçotte (ente riconosciuto a livello internazionale).
Si tratta però anche di una novità che ci fa risparmiare tempo. Infatti, una volta preparato il nostro caffè, possiamo semplicemente buttare le capsule nell’umido senza più bisogno di separare l’involucro dal fondo rimasto (non possono però essere gettate nei sistemi di compostaggio domestico).

Un lavoro utile è stato fatto anche sul packaging che risulta facilmente smaltibile tramite raccolta differenziata a seconda che si tratti della scatola (nella carta), dell’incarto (nella plastica) o appunto della capsula (nell’organico).

Confezioni personalizzate da riutilizzare

lattoni caffe vergnano

Se siete abituati ad utilizzare la moka, invece, probabilmente apprezzerete la possibilità di personalizzare le lattine in cui si conserva il caffè. Un modo semplice ma efficace per incentivare le persone a non buttare le confezioni ma a conservarle e a riutilizzarle in tanti modi secondo i propri gusti e la propria creatività: come portapenne, portacandele, portaoggetti vari e persino come originale vaso per le piante.

Creare la grafica della propria lattina è molto semplice grazie alla piattaforma Tin Configurator di Caffè Vergnano. Bastano 5 mosse per personalizzare la propria confezione di caffè: scegliere la miscela, lo sfondo preferito, una foto, una frase e, per ultimo, il colore del tappo. Una volta conclusa e realizzata la propria personalissima lattina da 250 grammi non resta che aspettare comodamente a casa che arrivi.

Contenitori per bar in Pet riciclato

Per i bar, invece, l’impegno di Vergnano è sul fronte delle confezioni, ovvero i contenitori che racchiudono i chicchi di caffè utilizzati per preparare l’espresso nei bar. Già da anni, la più antica torrefazione d’Italia, utilizza il Pet per il caffè in grani dei suoi bar (ha scelto invece di eliminare l’alluminio, materiale rimosso anche dai sacchetti di caffè macinato).

Ma adesso uno sforzo in più è stato fatto anche per limitare l’utilizzo di nuova plastica. I contenitori per i bar infatti sono diventati più eco-friendly, grazie al fatto che l’azienda è riuscita ad ottenerli da Pet riciclato.

Il 50% del materiale impiegato per la produzione delle nuove confezioni è infatti ottenuto da quelli già utilizzati in precedenza. Anche in questo caso, dunque, non si butta via niente ma tutto si recupera nell’ottica di una perfetta economia circolare, utile a dimezzare l’utilizzo di plastica da fonti non rinnovabili e a dare nuova vita a materiali già sfruttati una prima volta che così evitano di finire in discarica.

Insomma, abbiamo la possibilità di berci un caffè buono (anche con l’ambiente)! Segui il suggerimento di Caffè Vergnano: #bevicompostabilmente!



Caffé Vergnano

Women in coffee, il progetto che sostiene il ruolo delle donne che lavorano nelle piantagioni di caffè

Coop

Fuori la plastica dai sacchetti del pane!

tuvali
seguici su Facebook