Il caffè fa bene al cuore. Quante tazzine dovresti berne per ridurre il rischio cardiaco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Bere da una a tre tazzine di caffè al giorno riduce il rischio di insufficienza cardiaca fino al 12%. Non solo, quindi, è un toccasana contro il grasso corporeo e terrebbe lontano l’Alzheimer, il caffè è anche amico del nostro cuore. A patto che non sia decaffeinato.

A dirlo è una nuova ricerca basata su tre studi di lunga data sulle malattie cardiache che esaminano i risultati di salute di decine di migliaia di persone.

Leggi anche: Caffè: 3 tazzine al giorno proteggono il cuore

La malattia coronarica, l’insufficienza cardiaca e l’ictus sono tra le principali cause di morte in tutto il mondo, ma gli scienziati affermano che gli elementi dello stile di vita che possono portare a queste gravi condizioni non sono ancora completamente compresi.

Anche se il fumo, l’età e l’ipertensione sono tra i più noti fattori di rischio di malattie cardiache, rimangono fattori di rischio non identificati per le malattie cardiache“, ha detto David Kao, autore senior dello studio e assistente professore di cardiologia presso l’Università del Colorado Scuola di Medicina ad Aurora.

Lo studio

Gli esperti statunitensi hanno esaminato le informazioni dietetiche tratte da tre studi sulle malattie cardiache su larga scala negli Stati Uniti, per un totale di oltre 21mila adulti statunitensi.

Nello specifico, lo studio, pubblicato sulla rivista Circulation: Heart Failure dell’AHA, ha analizzato le informazioni dietetiche auto-riferite dall’originale Framingham Heart Study. Lo studio iniziato nel 1948 ha arruolato oltre 5mila persone senza malattie cardiache diagnosticate che vivevano a Framingham, nel Massachusetts e poi ha seguito quelle persone e la loro prole per 72 anni su tre generazioni.

Nel complesso, si è scoperto che l’aumento del consumo di caffè con caffeina era associato a una diminuzione del rischio a lungo termine di insufficienza cardiaca: rispetto alle persone che non bevevano caffè, l’analisi ha rilevato che il rischio di insufficienza cardiaca nel tempo è diminuito tra il 5% e il 12% per ogni tazza di caffè consumata ogni giorno.

Il rischio di insufficienza cardiaca è rimasto lo stesso per non aver bevuto caffè o una tazza al giorno nello studio sul rischio di aterosclerosi nelle comunità. Ma quando le persone bevevano due o più tazze di caffè nero al giorno il rischio diminuiva di circa il 30%, secondo l’analisi.

L’associazione tra caffeina e riduzione del rischio di insufficienza cardiaca è stata sorprendente“, ha concluso Kao.

I risultati si aggiungono a un ampio corpo di prove secondo cui il caffè ha effettivamente benefici per la salute. Ma attenzione: la condizione è che non venga consumato in eccesso o in combinazione con una quantità abbondante di zucchero o peggio ancora di panna!

Fonti: AHA journal Circulation: Heart Failure / CNN

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook