Bromato di potassio potenzialmente cancerogeno nei prodotti da forno: allarme negli Usa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Environmental Working Group ha pubblicato un nuovo rapporto dedicato alla sicurezza alimentare negli Stati Uniti. Molti prodotti da forno comunemente in vendita negli Usa contengono bromato di potassio, una sostanza potenzialmente cancerogena.

In Italia siamo più fortunati e tutelati, dato che l’Unione Europea ha vietato l’utilizzo del bromato di potassio come additivo alimentare. Negli Stati Uniti invece il problema persiste e la salute dei consumatori potrebbe essere a rischio.

Il bromato di potassio viene aggiunto alle farine per favorire la lievitazione, per rafforzare gli impasti e per rendere più invitante il colore del pane. L’Environmental Working Group ha consultato al propria banca dati alimentare e ha individuato la presenza del bromato di potassio in almeno 86 prodotti da forno comunemente in vendita negli Stati Uniti.

Si tratta soprattutto di prodotti come pizza pronta, biscotti, pane bianco e integrale confezionato, impasti per la pizza, pane per i toast e panini. L’EWG ha pubblicato sul proprio sito web un elenco dei marchi e dei prodotti coinvolti.

Già nel 1999 l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha stabilito che il bromato di potassio rappresenta una possibile sostanza cancerogena per l’uomo. Oltre che in Europa, l’impiego del bromato di potassio come additivo alimentare è vietato in Brasile e Canada, mentre negli Stati Uniti, nonostante le preoccupazioni per i suoi possibili effetti cancerogeni, la sostanza viene normalmente utilizzata dalle aziende che realizzano prodotti alimentari.

Soltanto lo Stato della California, per quanto riguarda gli Usa, richiede che sui prodotti che contengono bromato di potassio sia riportato un avvertimento per i consumatori. Secondo quanto comunicato dall’EWG, il bromato di potassio è una sostanza dannosa sia per l’uomo che per gli animali. Test di laboratorio hanno rivelato la sua nocività per la salute e la sua capacità di danneggiare il Dna e le membrane cellulari.

L’FDA permette alle aziende Usa di aggiungere bromato di potassio alle farine fino a 75 parti per milione. Le aziende devono sempre indicare la presenza di questo additivo sulle etichette dei prodotti alimentari, nell’elenco degli ingredienti. Per tutelare i consumatori Usa, l’EWG ha messo a disposizione dei cittadini un’App che permette di comprendere quali sono i cibi più sicuri da acquistare durante la spesa.

L’App dell’Environmental Working Group potrebbe essere utile anche a voi per evitare di acquistare prodotti che contengano sostanze potenzialmente dannose nel caso di un vostro viaggio negli Stati Uniti. Infine, l’EWG invita tutti a firmare una petizione online per chiedere alle aziende alimentari di smettere di utilizzare il bromato di potassio nei propri prodotti.

Marta Albè

Fonte foto: Philfoumills

Leggi anche:

OMS: 5 PESTICIDI CLASSIFICATI COME CANCEROGENI PER L’UOMO

SOSTANZE CANCEROGENE NEI DISPOSITIVI MEDICI DI PLASTICA, A RISCHIO I BAMBINI PREMATURI

BIBITE GASSATE: UNA LATTINA AL GIORNO AUMENTA IL RISCHIO DI CANCRO

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook