Bere tè verde regolarmente protegge il cuore e allunga la vita, la nuova conferma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Consumare tè, in particolar modo il tè verde, almeno tre volte a settimana garantisce una vita più lunga e più sana. Il consumo abituale di questa bevanda sarebbe infatti associato a un minor rischio di malattie cardiovascolari e a una salute di ferro.

A confermarlo sono i risultati riportati sull’European Journal of Preventive Cardiology di uno studio svolto su 100.902 adulti cinesi (appartenenti a 15 province della Cina) che non avevano precedenti di infarto, ictus o cancro.

Le informazioni sul consumo di tè sono state raccolte attraverso questionari standardizzati, i cui partecipanti sono stati classificati in due gruppi: bevitori di tè regolari, che li hanno bevuti tre o più volte alla settimana e non abituali bevitori di tè, che lo bevevano meno di tre volte a settimana. La ricerca è durata ben 22 anni.

Gli studiosi hanno scoperto che i bevitori abituali di tè verde avevano un rischio inferiore del 20% di incorrere in malattie cardiache e ictus rispetto a quelli che non avevano mai bevuto tè o lo avevano consumato solo di rado. Inoltre, coloro che bevevano regolarmente tè avevano 1,41 anni in più in assenza di malattie cardiovascolari aterosclerotiche e la loro aspettativa di vita era di 1,26 anni in più rispetto all’età indice di 50 anni.

Degli abituali bevitori di tè, il 49% ha bevuto tè verde, il 43% ha preferito tè profumati o altri tè e l’8% ha optato per il tè nero. Da tutti è emerso che il consumo di tè può essere collegato a un ridotto rischio di malattie cardiovascolari aterosclerotiche e di mortalità per tutte le cause, ma il consumo di tè verde, rispetto a quello nero, è associato a rischi ancora inferiori di circa il 25% per malattie cardiache, ictus e morte in generale, dicono gli studiosi.

Il motivo? Secondo i ricercatori tutto potrebbe dipendere dai polifenoli presenti nel tè, sostanze chimiche con proprietà antiossidanti.

Cosa succede se consumiamo tè verde 3 volte a settimana?

Secondo lo studio, già l’assunzione regolare di tè aiuterebbe condurre una vita più sana, ma il fattore principale sta comunque proprio nella presenza dei polifenoli, di cui il tè verde è particolarmente ricco, composti bioattivi che proteggerebbero proprio dalle malattie cardiovascolari e da fattori di rischio tra cui ipertensione e dislipidemia. Nel caso del tè nero, però, non essendo questo completamente fermentato, i polifenoli finiscono per ossidarsi nei pigmenti e perdere così gli effetti antiossidanti.

Che aspettate, allora, mettete su il bollitore!

Sul tè verde leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook