@ dmitrymoi/123rf.com

Anche una minima quantità di alcol aumenta il rischio di palpitazioni cardiache, secondo uno studio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’alcol, anche se assunto con moderazione, contribuisce a creare un rischio concreto per il nostro ritmo cardiaco che può portare anche a conseguenze gravi per la nostra salute

Spesso siamo portati a consumare alcolici con leggerezza, senza pensare alle conseguenze per la nostra salute – magari si tratta solo di una birra per accompagnare la pizza del sabato sera o di un cocktail per brindare con gli amici. Ma ora questo nuovo studio ha messo in evidenza come anche una piccola quantità di alcol possa rappresentare un rischio per il funzionamento del nostro cuore: l’assunzione di alcol, infatti, aumenta il rischio di insorgenza di fibrillazione atriale – un funzionamento irregolare del nostro cuore, che può provocare cicatrici a livello del tessuto del muscolo cardiaco e, in casi gravi, anche ad infarto, ictus o morte.

Un gruppo di ricercatori dell’Università di San Francisco ha condotto una ricerca su 100 volontari, 79 dei quali uomini, di età compresa fra i 60 e i 70 anni, per comprendere gli effetti dell’alcol sulla salute del cuore (quasi la metà dei partecipanti aveva già avuto episodi di fibrillazione atriale prima dell’inizio dello studio). Per quattro settimane i partecipanti si sono sottoposti all’elettrocardiogramma e a specifiche analisi volte a misurare i livelli di alcol nel sangue; inoltre, hanno tenuto una sorta di ‘diario’ del consumo di alcol, annotando ogni volta che hanno consumato alcolici.

(Leggi anche: Cioccolato, amico del cuore: mangiarne poco tutti i giorni previene l’aritmia)

Alla fine del periodo di osservazione, è emerso che anche un solo drink alcolico ha raddoppiato nei partecipanti il rischio di un evento di fibrillazione atriale, mentre due drink consumati in un lasso di tempo di quattro ore hanno triplicato il rischio.

I ricercatori sottolineano come questo studio vada a scardinare due delle più comuni credenze relative al consumo di alcol: che un consumo moderato ma costante faccia bene alla salute del cuore e che sia necessaria un’assunzione esagerata di alcolici per avere un effetto negativo sul cuore. Al contrario, se vogliamo mantenere il nostro cuore funzionante e in salute, dovremmo evitare di assumere alcol (di qualsiasi tipo).

Finora si riteneva che la fibrillazione atriale fosse una patologia non prevedibile né prevenibile, invece non è così – spiegano i ricercatori. – Esistono condizioni modificabili che possono ridurre il rischio di incorrere in questa patologia, una di queste è il nostro consumo di alcol.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Annals of Internal Medicine

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook