@ baibakova/123rf.com

Mangia più fibre per allontanare il rischio di questa patologia epatica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un nuovo studio ha infatti identificato i cibi che più aiutano a tenere lontana una patologia del fegato che affligge un quarto degli americani

Che ci si creda o no, non è l’alcol il principale danneggiatore del nostro fegato, bensì la nostra dieta. Infatti, esiste una patologia epatica che affligge circa il 25% della popolazione americana adulta e che non è in alcun modo connessa all’assunzione di alcol, ma a ciò che i pazienti sono soliti mangiare: si chiama steatosi epatica non alcolica (in inglese Nonalcoholic Fatty Liver Disease o NAFLD) ed è caratterizzata dalla presenza di grasso all’interno del fegato (che può portare anche all’ingrossamento dell’organo). In molti casi la malattia non mostra sintomi, altrimenti è caratterizzata da addoloramento nella parte destra dell’addome, sensazioni di stanchezza e affaticamento, perdita di peso, ingiallimento della pelle e dell’interno degli occhi (fenomeno noto come ittero).

Un recente studio, condotto proprio negli Stati Uniti, ha identificato una lista di cibi che fanno particolarmente bene (insieme a una lista di quelli altamente dannosi) al nostro fegato, scongiurando il rischio di questa patologia. I ricercatori hanno condotto un’intervista su un campione di 1.682 partecipanti (uomini e donne) di età compresa fra i 60 e i 77 anni chiedendo di parlare delle loro abitudini alimentari quotidiane.

(Leggi anche: Mangiare 30 grammi di fibre ogni giorno riduce il rischio di diabete e infarto)

Dopo l’intervista i partecipanti sono stati sottoposti alla risonanza magnetica, per la misurazione del grasso epatico, e alla densitometria assiale a raggi X, per la determinazione dei livelli generali di grasso nel corpo. Questi esami hanno evidenziato che i livelli di grasso nel fegato erano in media più alti nei partecipanti che hanno dichiarato di assumere molti grassi saturi, carni rosse e processate e caffè. Al contrario, i livelli di grasso nel fegato erano più bassi nei partecipanti la cui dieta era caratterizzata da alimenti ricchi di vitamine e fibre.

Questo perché le fibre, oltre ad essere un alleato chiave nella prevenzione di infiammazioni e altri disturbi cronici, aiutano a depurare l’organismo e favoriscono il buon funzionamento del nostro apparato digerente e la salute dell’intestino. Oltre a questo i cibi ricchi di fibre – come verdure, frutta e cereali integrali – sono poveri di grassi ‘cattivi’ e quindi non affaticano il fegato, portando all’insorgenza della steatosi epatica.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Journal of Nutrition

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook