Aspartame: per l’Ue e’ sicuro

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ormai davamo per assodato che l’aspartame fosse un dolcificante dannoso da evitare il più possibile prediligendo invece altri dolcificanti naturali come ad esempio la polvere di stevia, 100% naturale. Oggi una nuova valutazione dei rischi di questo dolcificante presentata a Bruxelles e opera dell’Efsa (Autorità europea per la sicurezza alimentare) sembra rimettere di nuovo tutto in discussione.

L’Aspartame e i suoi prodotti di degradazione sono sicuri per il consumo umano ai livelli di esposizione attuali” riportano le principali agenzie di stampa!

Innanzitutto facciamo chiarezza su ciò che significa “livelli di esposizione attuale”. Secondo l’Autorità europea la dose giornaliera accettabile di aspartame è di 40 mg per kg di peso corporeo ciò, come ha spiegato la portavoce dell’Efsa Stephen Pagani, è “l’equivalente di cinque litri di bevanda dolcificata all’aspartame bevuta ogni giorno per tutta la vita”.

Per arrivare a queste conclusioni, gli scienziati hanno eseguito degli studi sia su animali che sull’uomo con lo scopo di valutare eventuali rischi di questo dolcificante in particolare rispetto a possibili danni ai geni, al cervello e allo sviluppo di cellule tumorali. “Da più di trent’anni questo edulcorante e i suoi derivati sono argomento di approfondite ricerche che comprendono studi sperimentali sugli animali, ricerche cliniche, studi sulle quantità assunte, studi epidemiologici e attività di sorveglianza successiva all’immissione in commercio. Da molti anni e in molti Paesi l’aspartame, a seguito di accurate valutazioni della sua sicurezza, è giudicato sicuro per il consumo umano”. Si legge sul sito dell’Efsa.

L’aspartame non ingrassa, ha potere dolcificante maggiore dello zucchero e un sapore molto simile. Si trova spesso in bibite gassate, merendine, gomme da masticare, dentifrici, farmaci e molti altri prodotti segnalato con la sigla E 951.

È tutto apposto per l’Ue: via libera al consumo. Ma c’è anche una comunità scientifica che è convinta invece dei danni che può provocare. A chi dobbiamo credere, di chi fidarci? A voi la scelta, vi lasciamo con il video integrale della puntata di Report dedicata al tema aspartame, dove la conclusione è molto differente da quella riportata dall’Efsa!

Francesca Biagioli

Leggi anche:

Aspartame: fa male o no alla salute?
Dolcificanti naturali: 10 valide alternative allo zucchero bianco
Sukrin: il nuovo dolcificante naturale senza calorie e con indice glicemico 0

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook