La nuova marca di vodka che protegge il fegato dall’alcol, ma è davvero così?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiama Bellion vodka ed è la prima bevanda alcolica al mondo realizzata con la tecnologia NTX che promette di ridurre in maniera significativa i danni causati dall’alcol al fegato.

La tecnologia NTX è un preparato naturale a base di glicirizzina che è un estratto di radice di liquirizia, mannitolo e sorbato di potassio, sviluppata dall’imprenditore indiano Harsha Chigurupati che la spaccia come “una miscela esclusiva di ingredienti capace di proteggere il fegato dagli effetti nocivi del consumo di alcol senza alterare il gusto della bevanda stessa”.

Secondo l’imprenditore, che sostiene di aver passato 10 anni della sua vita a sperimentare la tecnologia, aver miscelato il preparato alla vodka ha portato a una svolta: quella di non doversi più preoccupare che il proprio fegato venga distrutto dall’alcol.

LEGGI anche: BINGE DRINKING: TROPPO ALCOL FA MALE AL CUORE

“La bevanda è già in commercio in India e in 15 stati americani. Da adesso in poi è possibile bere alcolici, godendo a pieno della bevanda ma proteggendo il fegato e il Dna”, sostiene Chigurupati.

Che detto così, potrebbe suonare: “Bevete tranquillamente, tanto non fa male alla salute”. Sarà per questo che la Food and Drug Administration unitamente al Dipartimento Alcol e Tabacco statunitense hanno posto un fermo divieto alla commercializzazione del preparato naturale. Secondo entrambi, pur non negando che la sostanza abbia questo effetto sul fegato e sul Dna, vendere il prodotto significherebbe incentivare l’uso ( e abuso) di alcol.

bellion vodka

Risposta immediata quella della società indiana secondo cui, invece, il governo americano non darebbe il via libera per una mera questione economica legata ad assistenza sanitaria, a proventi derivati dai trapianti di fegato e ai medicinali delle case farmaceutiche.

Seppur in tutto il mondo, l’abuso di alcol è un problema reale, non possiamo negare che immettere nel mercato la tecnologia, potrebbe essere interpretato come un lascia passare per bere ancora di più.

Come hanno dimostrato i test effettuati effettivamente il preparato funge da schermo protettivo per il fegato (ma non per tutto il resto). Resta da chiedersi: percepire l’abuso di alcol come non dannoso per la salute è veramente una scelta saggia?

Dominella Trunfio

Foto: Bellion vodka

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook