Gli italiani popolo di bevitori. Consumiamo troppo alcol, soprattutto nel Nord Est

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’Italia è un paese che apprezza particolarmente l’alcol e sono oltre 8 milioni le persone considerate a rischio, soprattutto uomini. Il primato va al Nordest dove però c’è anche un’alta percentuale di donne bevitrici (il record in Italia).

I nuovi dati sul consumo di alcolici in Italia arrivano dalla Relazione del Ministro della salute al Parlamento sugli interventi realizzati in materia di alcol e problemi alcol correlati nel 2018.

Proprio nelle regioni più a Nordest del nostro paese, sono stati evidenziati i problemi maggiori relativamente al consumo di alcool, sia in quanto a bevande scelte dai consumatori che a comportamenti pericolosi per la salute. La percentuale di bevitori in queste zone è del 79,1% per gli uomini e del 61,1% per le donne e relativamente al gentil sesso “il valore risulta essere in assoluto il più elevato di tutte le altre ripartizioni considerate”.

Tra i dati più impressionanti vi è il fatto che in Italia sarebbero ben 8 milioni e 600mila i consumatori di alcol a rischio che non si sono attenuti alle indicazioni di salute pubblica relativi a questa sostanza, 68mila le persone già dipendenti dall’alcol e per questo prese in carica dai servizi preposti, e ben 4575 gli incidenti stradali rilevati dalle forze dell’ordine in cui almeno uno dei guidatori era risultato positivo all’alcol test.

alcol italia tabella

I consumatori di alcol più a rischio

Secondo il documento del ministero, a rischio soprattutto gli uomini (23,6%) rispetto alle donne di età superiore agli 11 anni (8,8%). 

Prendendo in considerazione le fasce d’età, indipendentemente dal genere, si è visto invece che i più a rischio sono i 16-17enni che neppure dovrebbero toccare l’alcool ma anche le persone tra i 65 e i 75 anni. Probabilmente queste categorie non conoscono bene i rischi legati al consumo di alcol, in particolare la probabilità di veder comparire alcune patologie dovute all’abuso o comunque al consumo eccessivo e reiterato di questa sostanza nelle sue varie forme.

Le bevande più apprezzate

I consumatori di alcol in Italia hanno le idee chiare: la bevanda più apprezzata è il vino (48,1%) seguito dalla birra (27,1%), dai superalcolici (10,3%) e in coda da aperitivi, amari e digestivi (5,5%).

Al Nord si apprezza di più il vino mentre birra e superalcolici vedono un consumo maggiore soprattutto al Sud.

alcol italia tabella2

Incidenti stradali e problemi di salute dovuti all’alcol

Secondo i dati del ministero, nel 7,8% dei casi di incidenti registrati in Italia (4575 per la precisione) almeno un conducente era in stato di ebbrezza. La percentuale è leggermente in aumento rispetto al 2015 quando erano pari al 7,6%.

Gli accessi al Pronto Soccorso per problemi collegati all’alcol sono stati invece 39182, nel 70% dei casi si trattava di uomini. Solo nel 2% dei casi, fortunatamente, si trattava di codici rossi.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook