@Alce Nero

In pochi si sono accorti che Alce Nero ha deciso di dismettere il marchio Kamut®

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’azienda di prodotti biologici Alce Nero ha deciso di lasciare il marchio Kamut® per evitare contaminazioni da glifosato. Passerà al grano Khorasan, più salutare e coltivato anche in Italia 

È probabile che ci abbiate fatto caso, ma anche l’azienda italiana Alce Nero ha deciso di eliminare il marchio Kamut® dai suoi prodotti biologici. Perché? Per capire a fondo la decisione occorre fare un passo indietro. Per lungo tempo questa dicitura presente sulle confezioni di pasta e altri alimenti, messi in commercio da numerose aziende, ha tratto in inganno i consumatori.

In realtà, infatti, il Kamut non è un cereale, come erroneamente credono molte persone,  ma un marchio registrato da una società americana. Con tale nome, infatti, si fa riferimento a un tipo di grano appartenente alla sottospecie botanica Triticum turgidum ssp. Turanicum, meglio noto come grano Khorasan. 

A rivelare l’inganno è stato un servizio di Report andato in onda recentemente su Rai 3, anche se noi di greenMe avevano affrontato già tempo fa la questione cercando di fare chiarezza. Insomma, in poche parole il grano Kamut non esiste, ma non è altro che un’invenzione e persino l’Ue è cascata nel tranello.

Inoltre, il problema principale legato al marchio Kamut® è la contaminazione da glifosato, come sottolineato nel servizio di Report. Tale marchio, infatti, prima era rigorosamente biologico, ma uno dei principali produttori di pasta l’ha declassato a convenzionale.  Sarebbe meglio, quindi, optare per una varietà di grano Khorasan, non registrata, che rappresenta un’ottima alternativa al Kamut® e viene coltivata anche in Regioni come Abruzzo, Basilicata e Campania. 

Alce Nero dice addio al marchio Kamut®

Per evitare contaminazioni da glifosato (pesticida pericoloso per la salute oltre che per l’ambiente) e offrire ai clienti prodotti salutari e sicuri alcune aziende italiane, tra cui Alce Nero, hanno deciso quindi di dire addio al marchio Kamut®. 

“Un prodotto biologico il glifosate non ce lo deve avere. – ha annunciato Massimo Monti, amministratore delegato di Alce Nero ai microfoni di Report – La nostra decisione è stata quella di lasciare il Kamut e di passare al Khorasan, fatto in Italia. Il nostro obiettivo era fare una filiera in Italia”.

Ma, fortunatamente, non si tratta dell’unica azienda che ha preso questa decisione. Anche NaturaSì ha annunciato di volersi muovere in questa direzione. E, nel frattempo, anche il noto marchio di pasta De Cecco ha fatto un’operazione sulle sue confezioni di cui pochissimi si saranno accorti, rimuovendo la dicitura bio dalle confezioni di pasta Kamut®

Fonte: Report

Leggi tutti i nostri articoli sul Kamut e sul glifosato:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook