nas"Estate tranquilla", quella appena trascorsa. Mica tanto per le 1426 persone segnalate all'autorità giudiziaria dai Nas e le 245 strutture sequestrate o sospese dai carabinieri che da giugno a settembre hanno effettuato 4.563 ispezioni nella filiera alimentare in stabilimenti, bar, ristoranti e agriturismi delle località vacanziere per tutelare la salute dei cittadini e garantire la sicurezza degli alimenti ai turisti nostrani.

È stato presentato sabato a Roma, il rapporto "Estate tranquilla 2009" dal quale emergono dati non troppo incoraggianti: circa il 30% delle strutture monitorate, comprese discoteche, supermercati e stazioni di sosta in autostrada, sono risultate irregolari ai controlli su cibi e bevande vendute o servite al pubblico. Nel 5% dei casi le infrazioni sono state tali da portare al sequestro (105) o alla richiesta di chiusura della struttura (140).

Gli stabilimenti balneari sono risultati gli esercizi con maggiori irregolarità: l'8%, ovvero 166 su 529, sono stati scoperti fuori norma. Seguono a gran sorpresa gli agriturismi, dalla quale ci si dovrebbe aspettare maggiore genuinità e qualità dei prodotti, ma che si sono contraddistinti per tutt'altro: irregolari ben 146 su 570 ispezionati. Ma non brillano neppure supermercati (6%), discoteche, night club e la ristorazione delle aree di servizio autostradali (5%). Leggermente meglio campeggi e villaggi turistici (4%).

Dalle quasi 4.600 ispezioni effettuate in tutto il territorio nazionale dai 37 del Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell'Arma, sono state registrate in totale 2.604 irregolarità alle normative comunitarie, nazionali e locali. Formaggi, carne, pesce, bevande e conserve: ammonta a 181 tonnellate circa e 133.264 confezioni di alimenti, il bottino sottratto al consumo perché considerato una minaccia per la salute del cittadino per le modalità di conservazione, per l'assenza di idonea etichettatura o per la presenza di evidenti segni di alterazione. Per un valore complessivo di un milione e 200 mila euro.

Dati che fanno paura, ma come spiega il colonnello Antonio Amoroso, vicecomandante dei Nas, vanno presi con il giusto punto di vista: "Non bisogna fare allarmismi, questi sequestri debbono invece rassicurare. I nostri controlli sono costanti e rigorosi: siamo riconosciuti come uno dei paesi più attenti e accorti in Europa". E infatti Amoroso ci tiene a sottolineare che il campione delle strutture ispezionate è selezionato sulla base della "maggiore probabilità di trovare delle irregolarità: le nostre visite non sono casuali, ci muoviamo sulla base di approfonditi studi preliminari e di segnalazioni". Più tranquilli adesso?

Simona Falasca


banner guida pulizie

Scrittori di classe

Come iscrivere la tua scuola a "salvare il Pianeta”, il concorso di Conad e WWF

greenMe su Instagram

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
settimana riduzione rifiuti 2018
sai cosa compri
seguici su facebook
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram