cavoloSolo in Italia sono più di 10 milioni le persone impegnate quotidianamente nel tentativo di tenere a bada la pressione alta. Per loro arriva dall'Inghilterra la notizia che da oggi possono contare su un alleato in più, anzi due: cavoli e broccoli. Bistrattati dal linguaggio comune e dai vicini di chi li adora invece cucinare, questi due ortaggi dall'inconfondibile odore e dalle infinite proprietà contribuirebbero a combattere l'ipertensione.

Merito a quanto pare dell'acido glutammico presente in alte percentuali in queste verdure, ma anche, ad esempio, nella soia e nei cereali integrali.

A dimostrarlo, una ricerca dell'Imperial College di Londra coordinata dal dottor Ian Brown e pubblicata su Circulation - la rivista dell'American Heart Association - che ha analizzato la dieta di 4.680 persone tra i 40 e i 59 anni, provenienti da Gran Bretagna, Usa, Giappone e Cina.

Lo studio ha constatato come nei soggetti che assumevano molte proteine vegetali tra qui questo aminoacido, la pressione sanguigna diminuisse notevolmente. Nonostante la soddisfazione, tra i ricercatori regna la cautela e così, va benissimo abbuffarsi di cavoli e broccoli, ma senza sperare che fungano da "bacchetta magica" per la cura dell'ipertensione di cui, comunque, l'alimentazione sana e ricca di verdure ne rappresenta un elemento imprescindibile.

monge

Monge

20 cose che il tuo cane e gatto non dovrebbero mai mangiare

plt energy

PLT puregreen

I vantaggi di scegliere un operatore di energia da fonti rinnovabili

sai cosa compri
dieta
integratori
lievito madre
ricette vegane
ricette vegetariane
riciclo creativo
rimedi naturali
yoga
seguici su facebook
manifesto
banner calendario
corsi greenme
whatsapp gratis
seguici su instagram